13 maggio: festeggiamo tutte le mamme insieme alla natura



Con una piccola donazione possiamo fare un regalo originale e contribuire a salvare le tartarughe marine.  Puoi adottare la mamma tartaruga Ondina su www.tartalove.it

Difficile parlare delle mamme senza diventare un po’ sentimentali. In natura tutte le mamme sono straordinarie con i loro piccoli ed è per questo che in occasione della festa della mamma vogliamo proporre un regalo speciale. Che faccia felice chi lo riceve ma che abbia anche un grande valore per chi lo sceglie, consapevole di aver fatto un piccolo grande gesto.

Ogni anno circa 40mila tartarughe marine vengono catturate accidentalmente dai pescatori; moltissime muoiono a causa della plastica e dei rifiuti ingeriti, altre per traumi causati dal traffico nautico. I nidi sulle spiagge possono essere travolti dai trattori spazza spiaggia e i piccoli appena nati, disturbati da luci e rumori molesti, possono perdere l’orientamento e non raggiungere il mare.

Insomma, la tartaruga marina rischia di estinguersi a causa delle attività antropiche e seppure la sensibilità nei confronti di questi affascinanti animali sia aumentata negli ultimi anni, c’è ancora molto da fare. E tutti possiamo contribuire anche scegliendo il regalo giusto per la festa della mamma: sul sito www.tartalove.it, infatti, è possibile adottare simbolicamente una tartaruga marina da regalare alla mamma che riceverà un piccolo kit di adozione paper-free, che include un certificato di adozione, una fotografia della tartaruga scelta e un racconto della sua storia. Perché ogni esemplare salvato ha una storia da raccontare. Come Ondina, una Caretta caretta di circa 75 centimetri che, nonostante le numerose imbarcazioni in transito e i turisti sulla spiaggia, la scorsa estate ha deposto le sue uova sul bellissimo litorale di Acciaroli, in provincia di Salerno, scegliendo con cura un luogo appartato, il più possibile lontano da presenze moleste.

Un evento naturale certo, ma per niente scontato. Sono sempre più rare infatti le spiagge idonee, silenziose e incontaminate, dove le tartarughe marine possono nidificare tranquillamente, al riparo dai predatori naturali ma soprattutto dalla presenza umana che spesso, anche inconsapevolmente, minaccia la riuscita dell’impresa.

Ma Ondina ce l’ha fatta. Nata probabilmente sulla stessa spiaggia, dopo un lungo periodo trascorso in mare è tornata per deporre le sue uova in due nidi sulla spiaggia di Acciaroli, nel comune di Pollica, dove gli addetti della Stazione Zoologica Anton Dorhn di Napoli hanno gestito l’organizzazione scientifica e i volontari di Legambiente hanno delimitato la zona per evitare che presenze o rumori molesti potessero infastidirla e spingerla ad andarsene altrove. Dopo aver deposto e ricoperto le uova, ha poi lentamente ripreso il mare per completare il suo ciclo di vita. A noi ha lasciato la bellezza e l’incanto di queste piccole vite, che dopo circa 55 giorni hanno iniziato a spuntare dalla sabbia per raggiungere il mare.

Un’emozione enorme per i volontari che hanno assistito alla corsa delle tartarughine verso il mare che, dopo giorni, e soprattutto notti, di sorveglianza, hanno salutato le nuove nate augurandogli lunga vita, in attesa di rivederle qui, sulla stessa spiaggia, tra una ventina d’anni per continuare a stupirsi davanti allo spettacolo della natura che si rinnova.

 

Con Tartalove, (campagna realizzata con il contributo di Daviness, Mareblu e Ogilvy), Legambiente ha lanciato una raccolta fondi destinata a finanziare le attività dell’associazione per la salvaguardia delle tartarughe marine. Su www.tartalove.it è possibile scoprire le storie delle tartarughe da adottare e regalare alle mamme, scegliendo Ondina o un altro esemplare tra quelli ricoverati presso i centri di recupero sostenuti grazie alle donazioni (a Manfredonia in provincia di Foggia, a Talamone in provincia di Grosseto e prossimamente nel Museo vivo del Mare di Pioppi, nel comune di Pollica, in provincia di Salerno).

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11723 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.