Riflessioni sul 1 maggio 2018



1 maggio, festa del lavoro. Festa? Lavoro? Cosa? Con oltre 4 milioni di poveri, 3 milioni di Neet, la povertà da salariato, in Italia c’è poco da festeggiare. Qualcuno si era illuso che con la Legge Fornero e il Jobs Act gli italiani, finalmente, avrebbero avuto maggior possibilità lavorative.

 

A dire il vero gli italiani hanno avuto maggiori offerte, ma di schiavitù camuffata da lavoro precario o sfruttamento detto altrimenti formazione. Obbrobri che hanno reso la vita di milioni di connazionali un incubo. C’è gente che nonostante potesse contare sulla fortuna di un lavoro, vive nella miseria perché pagata 40 centesimi l’ora…Miseria non solo economica ma soprattutto civile, umana. Che equilibrio psicologico può avere un soggetto che dopo 10 ore di lavoro porta a casa 4 euro?

 

Lo statuto dei lavoratori è uno sbiadito ricordo che si studia nelle aule di giurisprudenza nella materia che porta ancora il nome di “Diritto del Lavoro”; sembra un’eresia accordare alla parola lavoro la parola diritto, ma una volta esistevano non solo doveri ma anche diritti. C’è un politico-clown che, con accento fiorentino, dice che i posti di lavoro sono aumentati…Beh se metti tre persone a fare quello che prima faceva solo una persona, con la metà della paga che in passato percepiva quest’ultima ma divisa in quattro, i posti di lavoro aumentano, eccome! Quale progresso, però, ha apportato alla nostra nazione questo modo di intendere le “cose lavorative”?

 

In questo contesto le donne rinunciano a quella che per me è la manifestazione più bella dell’amore umano, ossia diventare madri. Le morti bianche sono diventate come l’oroscopo, quotidiane; solo che nessuno più se le fila…

 

 

Dicono che il mondo è cambiato, che c’è la globalizzazione. Premesso che il mondo come può cambiare in peggio, può anche cambiare in meglio. Cosa significa, poi, globalizzazione? Per chi vuole questo stato di cose è la possibilità di produrre al minor costo possibile a danno non solo dell’ambiente, ma anche della dignità dei lavoratori. Chi vi scrive non è contrario alla globalizzazione, ma la intende come un modo per creare un comune denominatore mondiale che tenga conto che la natura e l’uomo (due dei tre fattori produttivi) non debbano mai essere al servizio del capitale; l’economia al servizio dell’uomo mai viceversa.

 

Questi sciacalli chiamati capitalisti, invece, creano una guerra mondiale tra poveri, dove il costo al ribasso del lavoro e la distruzione dell’ambiente locale sono alla base dei loro miserrimi guadagni. Occorre globalizzare anche una nuova visione della produzione: cosa produrre? Se non pensiamo a produrre solo i beni realmente necessari, il nostro pianeta non avrà futuro, altro che schiavitù…Oggi non festeggio, anzi…Mi arrabbio ancora di più, e urlo il mio schifo alla merda che ci manipola e sgoverna.

Mi arrabbio perché vedo milioni di persone litigare per un arbitraggio e non scendere in piazza per far valere i diritti non solo propri ma anche dei loro figli. Non hanno capito ancora che così facendo non solo hanno pregiudicato i loro sogni, le loro vite ed il loro futuro ma anche quelli dei loro figli.

 

A dire il vero il 4 marzo una risposta forte c’è stata nelle urne. Peccato che alcuni, invece di fare il bene degli italiani, cercano alleanze con chi hanno combattuto o continuano a difendere alleanze con i delinquenti naturali; vero Luigi, vero Matteo?

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11472 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.