L’eleganza e la sensibilità di chi non sa perdere



La sconfitta della Juventus nella sfida contro il Real Madrid, grazie ai fatti accaduti sul campo ed alle dichiarazioni rese nel dopo gara, a mio avviso, rappresenta una brutta pagina per lo sport italiano, non solo per il risultato.

Mi riferisco alle dichiarazioni rese da Gigi Buffon, il quale non solo ha mandata a “cagare” l’arbitro, ma nelle interviste, secondo me, lo ha offeso. Parole che, ancora una volta, fanno capire di che pasta è fatta il numero 1 della Juventus.

In un’intervista, il portiere che ha sfiorato più volte di vincere la Champions League, dice che il rigore è stato un episodio “dubbio”. Bene, anzi male: dalle foto allegate, si evince chiaramente che Benatia era in modalità karate kid e che, quindi, bene ha fatto l’arbitro ad assegnare il rigore.

Buffon, sempre con la solita eleganza, sostiene che “Al posto del cuore l’arbitro ha un bidone dell’immondizia”. Che classe, compresi gli applausi provenienti dallo studio. Mi faccia capire signor Buffon, se non avesse dato il rigore, penalizzando così il Real Madrid, l’arbitro era un benefattore, mentre per aver fatto il suo dovere merita un’offesa simile? Lei, mi tolga una curiosità, cosa crede di avere nel petto a sinistra quando dice queste cose?

Buffon, però, continua e sostiene che l’arbitro non ha personalità. A ben vedere, l’arbitro ha avuto due attributi enormi, è stato encomiabile e la sua personalità non si è fatta condizionare dal fatto di essere negli ultimi istanti del match, ed ha concesso ciò che il regolamento dice di concedere. Le regole valgono per tutti, vero signor Buffon?

Buffon allude al repertorio penoso: si riferisce a quando disse: “Non mi sono reso conto del gol di Muntari, ma in ogni caso non avrei aiutato l’arbitro” (arbitro che, per onor di cronaca, era Paolo Tagliavento: lo stesso che il portiere della Juventus abbracciò davanti alle telecamere dopo Juventus-Lazio del gennaio 2017)?

Lì, non si offenda, ma è stato penoso nel non accorgersi che la palla, per ben due volte, era entrata di oltre un metro e nelle dichiarazioni non sportive; sì perché uno sportivo di fronte ad un’ingiustizia, specie se evidente, la denuncia, perché uno sportivo vero vuol vincere senza ombre.

Il massimo Buffon lo raggiunge quando parla di insensibilità dell’arbitro. Nell’episodio poc’anzi richiamato, l’arbitro è stato sensibilmente contro il Milan, ma quella insensibilità a Gigi andava bene.

L’arbitro, se lo ricordi signor Buffon, non deve essere né sensibile né deve tener conto di quanto accaduto in una partita precedente: l’arbitro deve applicare alla lettera il regolamento e deve essere imparziale. Forse quest’ultima parola le suona male. Di certo in Europa non è ammesso che un arbitro venga circondato e spintonato e mandato a “cagare”; in Italia se indossi una maglia puoi fare di tutto. Esagero? Bonucci da quando non indossa una maglia, ha avuto così tanti cartellini, che ad un certo punto si è chiesto cos’erano quei due cartoncini di colore giallo e rosso…Una curiosità: in Italia la solita squadra non becca un cartellino neanche per sbaglio, mentre in Europa le espulsioni fioccano come neve; che stranezza…Quando i suoi compagni, caro Buffon, menano gli avversari, come mai rimane insensibile?

Caro Buffon la verità è una sola: non sa perdere. Quello che conta non è vincere ma uscire dal campo a testa alta, anche dopo una sconfitta. Lei non solo, per l’ennesima volta, non ha vinto la coppa più bella d’Europa, ma ancora una volta, mi consenta, ha fatto una brutta figura. Peccato, perché avevo scommesso sul passaggio di turno della Juventus, ma questa è un’altra storia.

Prendo atto che anche il signor Andrea Agnelli è a favore del Var. Meno male, perché neanche a fine ottobre ebbe a dire che “…la tecnologia è un grave errore”.

Meglio tardi che mai, perché gli “Aiutini sono l’alibi per chi non vince”, giusto?

Ah, signor Chiellini, che stile è dire ai giocatori del Real Madrid “Voi pagate”? Neanche da provinciali, giusto?

A Napoli sapete come si dice? “Non sputare in aria, che in faccia ti ricade”. A buon intenditore poche parole.

Fonte foto Buffon: Sky Sport

Chiellini: mediaset.it

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10648 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*