Guidonia Montecelio, Polo Civico: “Grave crisi settore estrattivo”

Guidonia Montecelio



Da possibile ancora di sviluppo a causa di una delle peggiori crisi mai viste a
Guidonia Montecelio: “Seguiamo con grande preoccupazione la vicenda
amministrativa che in questi giorni sta investendo il mondo delle attività
estrattive – hanno commentato dal Polo Civico –. Ad alcune aziende è stato
negato il rinnovo delle autorizzazioni all’escavazione”.

Il polo estrattivo è il principale distretto industriale di questo territorio “Ed
è inaccettabile che si perdano posti di lavoro. I sindacati dei lavoratori Feneal
Uil, Filca Cisl, Cgil Fillea Roma e Lazio, relativamente al mancato rinnovo
delle autorizzazioni, hanno opportunamente proclamato lo sciopero generale
per mercoledì 4 aprile in conseguenza della perdita del posto di lavoro per 50
lavoratori che si aggiungono ai 37 già licenziati”.

“Come Polo Civico siamo, e saremo, affianco ai lavoratori. Il settore estrattivo
è una delle poche realtà guidoniane che anima il lavoro, tra diretto ed indotto,
in un territorio flagellato dalla piaga della disoccupazione e dell’inoccupazione”.

La congiuntura internazionale che da anni affligge i diversi settori dell’economia,
però, c’entra poco. “Oggi – proseguono dal Polo Civico – assistiamo nei confronti
del settore ad un’azione ostile su più fronti, che ci preoccupa fortemente e che
speriamo non nasconda una strategia precisa”.

Le parole dei civici di Guidonia Montecelio

Ancora più preoccupazione  emerge dal programma elettorale del sindaco Barbet
che, sul tema, recita testualmente: Avversione all’apertura di nuovi fronti di cava
e la costituzione di un piano dismissione cave e ritombamento per le esistenti.
Ci appare una scelta folle e vogliamo sperare che cimentandosi con il governo
della Cosa Pubblica il Sindaco abbia cambiato idea. L’azione sconsiderata
dell’Amministrazione Cinque stelle di Guidonia Montecelio, su questo tema, ha
già avuto pesanti ricadute in termini economici ed occupazionali mettendo in
pericolo lavoratori, famiglie e prospettive economiche, del nostro Comune e del
limitrofo comune di Tivoli.

Nuovi fronti di cava e ritombamento, progettato per dare uno sviluppo industriale
e sociale a quei terreni, sono due settori che possono rilanciare il settore del
travertino, creando posti di lavoro e ridando fiato all’economia locale. Riteniamo
possibile e opportuno trovare subito una sintesi tra le giuste esigenze di tutelare il
territorio e la salvaguardia dei livelli occupazionali.

Una vicenda, dunque, che va affrontata seriamente e senza indugi

Per questo, esprimendo piena solidarietà ai lavoratori in lotta ed abbiamo
presentato una richiesta di convocazione di un consiglio comunale
straordinario ed urgente per affrontare seriamente, e ci auguriamo senza
preconcetti, le problematiche del settore estrattivo così da trovare soluzioni
condivise.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.