Perde i sensi al volante e l’auto prende fuoco, tempestivo intervento della polizia

Perde i sensi al volante e l'auto prende fuoco, tempestivo intervento della polizia



L’improvviso malore di una donna di 74 anni mentre è al volante della sua autovettura; la conseguente perdita di controllo della macchina che, impattando contro un altro mezzo parcheggiato, prende subito fuoco, avvolgendola immediatamente con le fiamme.
I componenti della volante del commissariato di Marino, diretto da Nicola Giantomasi, nel loro quotidiano controllo del territorio hanno subito notato una coltre di fumo alzarsi poco distante.

La signora perde i sensi ed esce di strada

Giunti in pochi attimi sul posto, gli agenti hanno visto la macchina circondata dalle fiamme
con delle persone che invano cercavano di domarle tramite un estintore, le quali
informavano i poliziotti che all’interno dell’autovettura vi era una donna.

Immediatamente, nonostante le fiamme alte, gli uomini della volante hanno tentato di aprire
le portiere, trovandole però bloccate per un probabile malfunzionamento del meccanismo
di apertura.

Così, valutando l’urgenza, i 2 operatori hanno infranto il vetro anteriore del veicolo utilizzando i ‘calci’ delle armi in dotazione, aprendo le portiere e traendo in salvo la donna riversa sul sedile e ancora priva di conoscenza.
Successivamente la donna è stata poi trasportata dai sanitari del 118 all’ospedale di Tor Vergata dove è stata ricoverata.
7 giorni invece per gli agenti rimasti intossicati dalle esalazioni.

Informazioni su Samantha Lombardi 5438 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.