Analisi e riflessioni sul voto



Gli italiani hanno votato e sono stati chiari nelle loro intenzioni. Il Pd, Renzi e compagnia, sono stati sonoramente bocciati dalle urne, mentre il Movimento 5 Stelle è risultato di gran lunga il partito con più consensi. La coalizione che ha preso più voti è quella che si definisce di “centrodestra”.

 

Il primo dato che emerge è che nel meridione il M5S ha fatto il pieno di voti, con punte anche al di sopra del 50%. Qualche maligno, forse in preda al livore post sconfitta elettorale, sostiene che questo risultato sia il frutto della voglia di assistenzialismo dei meridionali, specie del reddito di cittadinanza. Mai analisi è stata così sciocca!

Premesso che il M5S è radicato anche al nord, con il 40% in Liguria, il 27% in Emilia Romagna e Piemonte, il 24% in Veneto e Friuli-Venezia Giulia, il 22 in Lombardia e il 19,5% in Trentino Alto Adige, costoro fanno finta di non comprendere che i meridionali hanno votato il M5S semplicemente perché si sono “rotti” di politicanti collusi, ladri, bugiardi e incapaci, altro che reddito di cittadinanza!

I livorosi, inoltre, hanno compreso cos’è il reddito di cittadinanza, istituto assente solo da noi ed in Grecia? Personalmente la trovo un’idea efficace per combattere la povertà ed al tempo stesso formare i disoccupati e indirizzarli verso l’occupazione. Chi trova la scusa della mancanza dei fondi o dell’inefficienza dei centri pubblici d’impiego, dimentica che come si sono trovati improvvisamente i soldi (nostri) per salvare le banche (non nostre) è possibile racimolarli tra la lotta all’evasione, i tagli alle spese militari (leggi f35) e la lotta agli sprechi. Prima o poi, inoltre, si dovranno far funzionare i centri pubblici dell’impiego; se non ora quando?

Al Nord è la Lega a catalizzare maggiormente l’interesse, mentre ancora una volta Berlusconi esce sconfitto nei numeri.

 

I due partiti che dovrebbero rappresentare la “borghesia”, il Pd e Forza Italia, hanno preso una “scutualiata” memorabile; personalmente fa piacere vedere Renzi e Berlusconi essere trattati, politicamente, in questo modo. Dopo che ci hanno preso in giro per anni, hanno compreso che l’anello al naso lo hanno i loro lacchè, non gli italiani. Ciaone Matteo, mi consenta Silvio…

In poche parole il voto del 4 marzo ha fatto emergere che accanto alla questione meridionale, amara realtà anche dopo 160 anni di presunta unità, c’è la questione settentrionale, frutto delle insicurezze nascenti da invasioni incontrollate di immigrati e tassazione paurosa.

 

Hanno vinto la voglia di cambiamento e le paure di perdere il lavoro, di non trovarlo mai e di essere costretti a vivere, nella migliore delle ipotesi, da precari e con soli 500 euro in tasca.

 

Ha vinto la voglia di dire no a questa Europa e dire sì al cambiamento che mette l’uomo al centro dell’economia e non viceversa.

Grazie ad una legge criminale, però, nessuna coalizione ha i numeri per governare.

Che fare allora?

Dipende dalla intelligenza di Di Maio e Salvini; sono i loro partiti ad aver preso più voti e sono i veri vincitori, poche chiacchiere.

Dovrebbero, a mio avviso, trovare una sintesi programmatica per rilanciare il nostro amato paese e finalmente unirlo. Le questioni meridionale e settentrionale, si superano se si risolvono i problemi dell’Italia tutta. Uniti si può lottare e vincere, altrimenti davvero sarà la fine.

Dipendiamo, in sintesi, dalle menti di Di Maio e Salvini; sapranno essere all’altezza ed intelligenti? Lo spero.

Nel frattempo un invito alla mummia: far decantare la situazione può essere utile per invitare alla riflessione. Guai, però, a guadagnare tempo per creare governi di scopo o di servilismo verso questa Europa (leggi Merkel).

Gli italiani per ora sono solo delusi e arrabbiati ma, se non si cambia registro, l’arrabbiatura potrebbe trasformarsi in altro; è la storia a ricordarcelo.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11715 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.