Roma, appalti pubblici: bancarotta fraudolenta per 41 milioni di euro

Roma, appalti pubblici: bancarotta fraudolenta per 41 milioni di euro



I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, all’esito di indagini delegate dalla locale Procura della Repubblica, stanno dando esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale capitolino, avente ad oggetto beni per oltre 41 milioni di euro, nei confronti di due società del Gruppo STI, riconducibile all’imprenditore Ezio Bigotti.

Roma, occultate scritture contabili

Le attività investigative, svolte dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di
Roma, hanno fatto emergere che Bigotti, dominus del Gruppo STI, e Luciano Caruso,
liquidatore della GE.FI FIDUCIARIA ROMANA S.r.l., il cui capitale sociale era interamente
detenuto dalla STI S.p.a., hanno occultato le scritture contabili al fine di ostacolare la
ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari della nominata GE.FI, oggi in
iquidazione coatta amministrativa.

Contestualmente, sono state individuate specifiche condotte distrattive di beni
dal patrimonio della stessa GE.FI., depauperata dagli indagati di gran parte delle sue
risorse: 39 milioni di euro di disponibilità finanziarie e un immobile sito a Milano. La misura
reale fa seguito all’ordinanza di custodia cautelare eseguita lo scorso 6
febbraio nei confronti, tra gli altri, dei menzionati Bigotti e Caruso.

Informazioni su Emanuele Bompadre 11299 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.