A Bologna spopola TARIweb, il servizio per la gestione della tassa sui rifiuti

A Bologna spopola TARIweb, il servizio per la gestione della tassa sui rifiuti



È un modo semplice, veloce ed efficace per evadere richieste, dare informazioni e raggiungere i moduli necessari per risolvere la propria pratica. Il tutto evitando inutili perdite di tempo, direttamente da casa e all’orario che più si preferisce.

Anche se siamo ancora lontani dal termine per il saldo della Tassa sui Rifiuti, più conosciuta come TARI, vogliamo prendere per tempo il problema e mettervi al corrente di un servizio comodo e innovativo reso disponibile dal comune di Bologna, proprio per la gestione dell’imposta sui rifiuti urbani.

Si chiama TARIweb e nel 2017 ha evaso oltre 31.000 richieste di pagamento, sfoltendo non di poco il lavoro, sempre prezioso, degli sportelli fisici e velocizzando di molto i tempi delle pratiche, soprattutto in prossimità delle scadenze tributarie. Di seguito, inoltre, vi spiegheremo come effettuare una nuova iscrizione per le utenze domestiche, perché, come confermano i dati sul 2017, a Bologna sono sempre molti i nuovi arrivi e i futuri bolognese d’adozione che stanno ancora cercando casa in vendita o in affitto in città.

TARIweb il nuovo modo di gestire la tassa sui rifiuti

Il portale online per la gestione dell’imposta sui rifiuti solidi urbani, è un sito intuitivo e semplice da utilizzare che presenta grandissimi vantaggi per l’utente: in primo luogo può, potenzialmente, svolgere numerose pratiche contemporaneamente, velocemente e evitando inutili attese, ma, fondamentale, è anche l’assenza di vincoli di orari, se voglio pagare la TARI alle tre di notte di un normalissimo martedì sera, posso farlo. Si pensi che TARIweb ha gestito medie molto elevate di richieste, anche negli orari meno consueti, e con punte di oltre 400 utenti giornalieri.

La facilità con cui si possono reperire informazioni, inoltre, ha migliorato anche l’esperienza “personale” dell’utente medio, che, oltre a sviluppare una conoscenza in materia, si reca agli sportelli fisici con una maggiore consapevolezza, con moduli già compilati correttamente e già consci di “ciò che devono fare per fare quel che devono fare”: un risparmio di tempo per loro, ma anche per il personale, che può così lavorare con più velocità e più semplicemente.

A confermare la bontà dell’architettura del sito e la semplicità con cui si possono reperire informazioni, svolgere pratiche o raggiungere i moduli necessari, è il fatto che nella quasi totalità dei casi (99,6%) l’utente ha portato a termine con successo il proprio percorso sul sito, che è guidato da una serie di domande progressive e pertinenti e di connessioni intelligenti. Nel 2017 il servizio online TARIweb ha distribuito circa 14.700 moduli, suddivisi principalmente tra nuove iscrizioni, cessazioni del servizio e richieste/revoche di riduzioni tariffarie. Grazie a questo portale, inoltre, loggandosi con le proprie credenziali, è possibile compilare e inoltrare direttamente le proprie denunce senza necessità di spostarsi su altri canali di comunicazione o sollecitando interventi di operatori e personale TARI.

La dichiarazione dell’assessore al bilancio

L’assessore comunale al bilancio Davide Conte ha così commentato l’innovazione portata
da TARIweb per Bologna: “La digitalizzazione e l’automazione sono uno strumento di
straordinario valore per migliorare la qualità della vita dei cittadini e il servizio TARIweb va
proprio in questa direzione. Infatti il cittadino risparmia tempo evitando di fare la coda agli
sportelli, accede al servizio nell’orario che preferisce perché può collegarsi quando vuole
nell’arco di tutta la giornata, riceve un’assistenza personalizzata se il problema necessita di
un approfondimento puntuale. Un dato tra i tanti è emblematico: si registrano punte di
accesso al servizio di oltre quattrocento utenti giornalieri che fisicamente si sarebbero t
radotte in una lunga fila nel caso di uno sportello tradizionale”.

Nuova iscrizione per le utenze domestiche

Le dichiarazioni per l’apertura di nuove utenze domestiche devono essere presentate o
inviate all’Area Risorse Finanziarie U.I. Entrate (con allegata la fotocopia del documento di
identità di chi le sottoscrive) per posta, tramite fax o posta elettronica certificata all’indirizzo
entrate@pec.comune.bologna.it. La sottoscrizione, per le persone fisiche, deve essere
quella dell’intestatario della tassa. 

La dichiarazione deve essere effettuata utilizzando la modulistica predisposta, nella quale si
devono obbligatoriamente dichiarare:

  • Le generalità del dichiarante e il codice fiscale;
  • Indirizzo dell’immobile per il quale si fa domanda;
  • Dati catastali completi (Foglio, Particella, Subalterno) delle unità immobiliari detenute
    o possedute e superficie calpestabile misurata al filo interno dei muri compresi cantina
    e garage, soffitte, ripostigli, lavanderie e simili, limitatamente alla parte dei locali di
    altezza superiore a metri 1,50, escluse le terrazze scoperte, sono inoltre da includere
    nel calcolo i balconi e le terrazze chiuse a veranda o comunque aperte solo sul lato
    frontale;
  • Data di decorrenza della detenzione o possesso e titolo alla base della disponibilità
    delle dichiarate unità immobiliari;
  • Indicazioni di eventuali presupposti per usufruire di riduzioni (di cui all’art.16 del
    regolamento TA.RI).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.