2031, fuga dal matrimonio

2031, fuga dal matrimonio



Un nuovo film di un famoso regista americano? 2031, Fuga dal matrimonio? No, un ‘indagine Censis di meno di due anni fa sul matrimonio in Italia ipotizzava, mediante una proiezione statistica, un data “apocalittica” per le nozze come le conosciamo, il 2031, ultimo anno per fiori d’arancio e pranzo con centinaia di invitati!
In realtà a partire dal 2015 i matrimoni celebrati sono leggermente aumentati, 4600 in più rispetto ai 194.317 del 2014. Sono cresciuti parallelamente i divorzi, nel 2015 sono stati 82.469 con un incremento del 57% e le separazioni sono state 91.706 in parte dati connessi alla l’introduzione del cosiddetto divorzio breve, che ha solo accelerato i tempi per quanti già avevano messo fine al vincolo matrimoniale.

2031 segnerà la fine dell’abito bianco?

Impietosamente altre rilevazioni hanno definito il numero di anni dopo cui una coppia implode fissandolo a 17 (se si crede minimamente nella cabala non poteva essere diversamente essendo un numero associato alle disgrazie) sottolineando che al momento dell’addio in media il marito ha circa 48 anni e la moglie 45, sono graditi gli scongiuri!
Verrebbe allora da chiedersi: e la montagna di baci perugina e praline di cioccolato che si consumano a San Valentino che fine faranno? E le mete da sogno per la luna di miele, quelle per cui si risparmia da anni tenendo la brochure sul comodino sono da archiviare?

Tranquilli, chi ha intenzione di continuare a correre il rischio di dividere la vita con il partner, nonostante le previsioni avverse, si sta ingegnando a sperimentare formule nuove per la vita a due.L’ultima tendenza parla del matrimonio che si vive come tale soltanto nei weekend. Se prima si dava appuntamento agli amici per trascorrere il fine settimana adesso si raccomanda al coniuge di non prendere impegni,72 ore da sposati in fondo sono meglio che niente. Perché la vita va sempre più veloce e non ci si può permettere, come i nostri nonni, di passare anni a litigare.

Matrimonio a orario

Quindi per eliminare le controversie che nascono dalla coabitazione si è andati alla
radice del problema eliminando proprio quella. Oltre alla felicità è garantito un bel
risparmio con l’abbattimento dei consumi delle principali utenze, in sintesi si mantiene
la casa in comune per le giornate romantiche o appassionate, per tutto il resto ci si
arrangia come meglio si riesce a fare. La tendenza dilaga fra le giovani coppie che non
si fanno tanti problemi a vivere una pluralità di identità sociali e preferiscono, per
necessità o per scelta, questa soluzione che pare diminuisca la conflittualità quotidiana
per il tubetto del dentifricio. E se ci sono dei figli? Anche in questo caso ci si può
organizzare in quanto i bambini di oggi hanno agende fitte di impegni e potrebbero
essere loro a doversi preoccupare di dove lasciare mamma o papà.

Insomma la società cambia e chi lo ha capito prima di tutti è stata la grande distribuzione che da qualche anno propone sempre più alimenti in monoporzione. Non soltanto vaschette singole di minestrone e lasagne da riscaldare, ma piatti completi e naturalmente dolci. Quando ci s’ incontra si possono unire le forze ricordandosi di scegliere lo stesso prodotto soprattutto (non c’è niente di male) se si vuole dare l’impressione che sia una preparazione casalinga. Si forse i cultori della cucina d’autore potrebbero trovare da ridire, ma alla fine l’importante è volersi bene, altrimenti il 2031 è dietro l’angolo… che vogliamo fare?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.