Vivere precario per un lavoro precario: se solo sapessero…



Lavorare per vivere o vivere per lavorare? Lavorare dignitosamente o accettare supinamente un’indegna schiavizzazione? Mi sono posto di nuovo queste domande durante questo fine settimana ed ancora una volta mi sono risposto che non vale la pena di sacrificare la propria vita e la propria dignità per il lavoro, specie se precario e indegno non solo nella retribuzione.

Sabato mattina napoletano: bella giornata, voglia di moto, voglia di girare il mondo, voglia di scoprire nuove emozioni, riassaporare vecchi sapori e ammirare bei paesaggi. Insomma voglia di vivere! Dopo una settimana trascorsa tra articoli da scrivere, aule di tribunali, atti da redigere e clienti che chiamano anche quando sono in bagno, la mia anima si è ribellata ed ha preteso di essere soddisfatta. L’ho fatto, così, nel modo che le piace.

Stesso sabato napoletano, ma per alcuni (persone che conosco…) non è così; devo lavorare (professionalmente non sono impegnati né nel mondo della ristorazione né in quello medico) anche se mi pagano uno schifo e a babbo morto. La dignità e la vita per questi lavoratori sono variabili non all’altezza dello “schifo” di lavoro che fanno (a mio parere se è corrisposta un’adeguata retribuzione, neanche il più bello degli impegni è degno d’essere chiamato lavoro). Dispiace dirlo ma meritano l’infelicità che vivono.

Qualcuno potrebbe dirmi che è facile scrivere certe cose quando non si hanno figli e si è giornalista e avvocato al tempo stesso. Risponderei a chi mi dovesse porre questa domanda che proprio perché si hanno dei figli che non è possibile accettare una società che impone orari di lavoro disumani, buste paga da fame e zero diritti.

Chiedo a queste persone che mondo vogliono lasciare ai loro figli e nipoti? A loro mi piacerebbe lasciare un mondo dove al dovere viene affiancato il diritto, dove l’uomo è al centro dell’economia e non viceversa. Soprattutto voglio lasciare un mondo dove una donna non può essere mortificata nella voglia di maternità perché lo stato non la tutela né come lavoratrice né come mamma.

Care amiche, cari amici, fuori dal grigiore di questi malsani e ingiusti lavori c’è un mondo bellissimo da vivere. Non accontentatevi ma lottate invece di piangervi addosso. Quello che oggi ai vostri occhi appare come un sogno irraggiungibile potrà essere reale se non vi piegherete più a certe logiche.

Purtroppo molti di questi schiavi non hanno neanche la fantasia per immaginare un mondo diverso, a misura d’uomo. Non solo non hanno dignità ma neanche il sangue nelle vene.

Non chiedo la luna, chiedo solo un mondo normale. Se solo sapessero…

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 12131 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.