Riflessioni sulla distribuzione della ricchezza nel mondo



Sei persone al mondo possiedono più ricchezza di 3,7 miliardi di persone.

L’1% della popolazione ha più denaro del restante 99%.

 

Mentre alcuni miliardari sfoggiano la loro opulenza (il Sultan del Brunei possiede circa 500 Rolls-Royce e vive in un edificio con 1788 stanze), quasi una persona su sette lotta per sopravvivere con 1,25 dollari al giorno.

 

Ogni giorno 29000 bambini muoiono a causa di malaria, polmonite e diarrea.

 

Jeff Bezos, fondatore di Amazon, ha un patrimonio di oltre 100 miliardi di dollari, ma nei magazzini Amazon statunitensi, i suoi dipendenti guadagnano salari così bassi da dover contare su Medicaid (il programma federale sanitario degli USA che provvede a fornire aiuti a individui e famiglie con basso reddito salariale)

 

L’economia globale è stata truccata per premiare chi è al vertice a spese di tutti gli altri.

Milioni di persone lavorano più ore per salari sempre più bassi rispetto a 40 anni fa

Come ha detto Papa Francesco in un discorso in Vaticano nel 2013 “Oggi tutto rientra nelle leggi della competizione e nella sopravvivenza del più adatto, dove i potenti si nutrono degli impotenti. Di conseguenza, masse di persone si trovano escluse ed emarginate: senza lavoro, senza possibilità, senza mezzi di fuga”.

Cambiare questo stato di cose non è lotta sociale o rigurgito comunista; è ristabilire il progresso sociale.

Significa rispettare la dignità di miliardi di donne e uomini che hanno diritto a vivere dignitosamente e non essere merce da schiavitù.

Chi crede che lo stato di cose attuali non è ribaltabile, crede nel falso.

Alcuni uomini potranno avere anche i soldi, ma cosa sono questi di fronte all’umanità?

Il dio denaro, per quanto possa essere allettante agli occhi di molti, mai e poi mai sarà vincente contro un popolo unito, consapevole dei propri diritti.

Il 4 marzo è vicino, non dimenticatelo. Scegliete chi vi offre un modello di giustizia sociale equo, che mette l’uomo al centro della politica e non al servizio dell’economia.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 11442 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.