Pomezia, a rischio il Carnevale senza l’approvazione del Bilancio di Previsione

Elisabetta Serra pomezia



Si è appena concluso l’incontro tra la vice Sindaco Elisabetta Serra e le
associazioni del territorio, per discutere insieme del prossimo Carnevale
pometino. Visto il ritardo nell’approvazione del Bilancio di Previsione
2018, le sfilate dei carri di Carnevale – previste per l’11 e il 13 febbraio a
Pomezia – sembrano essere a rischio.

Le parole del Vice Sindaco Serra

Senza Bilancio non possiamo programmare gli investimenti che equivale ad avere a
disposizione pochissime risorse per eventi, opere e progetti già deliberati. Il Carnevale
pometino ormai alle porte sembra quindi essere a rischio e abbiamo voluto informarne
le associazioni e i comitati del territorio per evitare che lavorino inutilmente.

Le dichiarazioni del Sindaco Fucci

La Giunta ha deliberato il Bilancio di Previsione 2018-2020 il 6 dicembre scorso.
Il parere dei revisori dei conti è positivo, la Commissione alle Politiche Finanziarie
si è riunita lo scorso 11 gennaio, manca solo la convocazione del Consiglio comunale
per la definitiva approvazione. Un atto che non rientra tra i miei compiti, ma che
ritengo essere prioritario in questo momento: il Consiglio Comunale potrebbe
approvare il Bilancio anche entro due giorni in via d’urgenza. Questo ritardo sta
danneggiando le numerose iniziative che sono in procinto di partire e delle quali
gioverebbe tutta la Città: la realizzazione degli eventi in programma, come il
Carnevale, San Valentino, l’80° Anniversario della fondazione di Pomezia; la
manutenzione di quegli impianti sportivi attualmente inutilizzabili; l’erogazione
dei contributi di sostegno al reddito e alle imprese; la riqualificazione dei giardini
storici di piazza Indipendenza e del giardino di piazza Italia a Torvaianica; la
videosorveglianza antiprostituzione su via Ardeatina e molto altro presente nel
programma di opere triennali allegato al Bilancio.
Spero che il Consiglio comunale approvi quanto prima il documento di previsione
in modo da utilizzare appieno le risorse a disposizione per la cittadinanza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.