Virginia Raggi: “E’ un giorno importante per Roma”

È un giorno importante per Roma. Ringrazio i consiglieri comunali del MoVimento 5 Stelle perché oggi si muove un primo passo fondamentale verso l’adozione del nuovo Statuto di Roma Capitale: uno strumento innovativo e eccezionale che colloca la nostra città all’avanguardia in Italia e al livello delle principali e più moderne capitali mondiali.

La riforma dello Statuto introduce nuovi strumenti di democrazia diretta. I cittadini, grazie alle modifiche, potranno partecipare più attivamente all’azione amministrativa e alla vita della città. Potranno riappropriarsi di una parte di funzioni e scelte che riguardano la loro vita.

L’approvazione di oggi rappresenta un primo step fondamentale, necessario per aggiornare numerosi regolamenti, alcuni dei quali sono talmente datati da essere stati scritti prima dell’avvento delle nuove tecnologie informatiche o dei social. Recepiamo una trasformazione sociale già in corso: i new media hanno cambiato le abitudini, i tempi e le modalità di partecipazione alla vita pubblica.

La società è cambiata rapidamente e la politica deve stare al passo con i tempi.
Con lo statuto introduciamo, ad esempio, le petizioni online dando la possibilità ai cittadini di illustrare le petizioni direttamente in Assemblea Capitolina. E’ uno strumento importantissimo.

Il nuovo Statuto introduce anche il referendum propositivo, già presente in altre città e mai pensato per Roma fino ad oggi. Sfruttiamo le nuove tecnologie per consentire ai romani di comunicare con l’amministrazione in modo più facile e più veloce.

Un’altra importante novità è rappresentata dal bilancio partecipativo: presto i romani potranno decidere come investire parte del bilancio comunale.

Abbiamo anche recepito la formulazione della legge Delrio sulla nomina dei componenti delle Giunte: si passa dal 50–50 uomini e donne al 60- 40 previsto dalla legge. Questo significa che torna ad essere premiata la capacità, la bravura. Sia chiaro: avremo l’opportunità di avere più donne, evitando le quote rosa.

Un punto di orgoglio è rappresentato poi dalla delibera votata ieri, in prima battuta, che ha introdotto sempre nello Statuto il principio dell’acqua come bene comune pubblico. E’ un passo fondamentale per la città: le persone tornano a riappropriarsi dei propri spazi, dei diritti, della città.

Spero che questo lavoro sia condiviso massimamente dall’Aula Giulio Cesare perché è patrimonio di tutti. E presto sarà patrimonio della città e dei suoi cittadini. Auguro buon lavoro a tutti. Roma compie un ulteriore passo verso il futuro.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10240 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*