Rifiuti, Andreassi: “Raccolta differenziata ed ecodistretti unica soluzione”

Luca Andreassi



Luca Andreassi, professore di Ingegneria dell’Università Tor Vergata, delegato ai
rifiuti del comune di Albano Laziale e segretario organizzativo del PD provinciale,
chiede alla Raggi di accantonare l’idea di un TMB in favore di una raccolta
differenziata e dell’istituzione di ecodistretti.

Le dichiarazioni di Andreassi

La situazione dei rifiuti a Roma sta assumendo i contorni di una commedia
grottesca che purtroppo non fa ridere. Siamo di fronte a quella che potrebbe
diventare una crisi davvero senza precedenti. Il problema nasce da lontano con
scelte spesso miopi come gli imperdonabili ritardi nell’avvio della raccolta
differenziata porta a porta e il ricorso sistematico alla discarica come soluzione di
chiusura del ciclo. Mai, però, la situazione era stata così critica come in questi mesi.
Perché? L’assenza di qualsiasi politica di gestione efficiente dei rifiuti si riscontra in
un dato agghiacciante. Il cittadino romano produce in media ogni anno circa 600 kg
di rifiuti, oltre 100 in più rispetto al quantitativo medio italiano.

E il fatto che la raccolta differenziata sia bloccata intorno al 40% ormai da anni, fa sì
che la gran parte di questo rifiuto debba essere smaltito come rifiuto indifferenziato.
Si tratta di circa 5000 tonnellate al giorno, produzione totale della città di Roma, che
devono essere trattati in impianti TMB che sono solo lontanamente parenti di qualcosa
ecologicamente sostenibile. Perché se da una parte stabilizzano biologicamente e
separano meccanicamente il rifiuto, dall’altra ciò che viene prodotto da questi impianti
è comunque rifiuto che deve essere smaltito in discariche o inceneritori. Certo è che se
non si attua una differenziata che porti a un dignitoso livello di separazione delle
frazioni, il ricorso agli impianti TMB è indispensabile.

Per ovviare a tale problematica, fino a due mesi fa, circa 70.000 tonnellate l’anno
di rifiuti indifferenziati romani venivano inviati in Austria. Dopo la fine di questo
accordo Zingaretti ha trovato una sinergia col suo omologo dell’Emilia Romagna
Bonaccini, su esplicita richiesta dell’AMA, per portare proprio in Emilia i rifiuti
romani. Sinergia che non si è concretizzata per il dietrofront della Raggi.

Politicamente, essendo sotto elezioni, per i 5 stelle era inaccettabile risolvere un
problema così grave nella Capitale d’Italia solo grazie all’intervento del Presidente
Regionale PD. In tutto ciò la Sindaca Raggi, anziché prospettare un progetto per
uscire da questa situazione, continua ad addossare le colpe al PD regionale per il
mancato varo del Piano regionale dei rifiuti. Va ricordato alla Raggi, però,  che
nessuna amministrazione regionale può decidere arbitrariamente di costruire un
impianto TMB, un impianto di compostaggio, una discarica nei confini di un
territorio comunale, ovvero esattamente quello che serve alla città di Roma, senza
precise e dettagliate indicazioni dei Sindaci e delle province.

Esattamente, cioè, quello che la Regione Lazio, dopo numerosi solleciti formali,
attende dalla Raggi da oltre un anno. Naturalmente senza risposta alcuna da parte
della Sindaca. Ma davvero una soluzione non esiste, come vogliono farci credere i
5 stelle? La soluzione esiste, eccome. Sono gli ecodistretti. Distretti di 400/500 mila
cittadini in cui internalizzare ogni fase della gestione dei rifiuti solidi urbani,
avviandoli a recupero in una rete di impianti pubblici, restituendo ai cittadini le
risorse generate dal recupero e dal riciclo dei materiali sottratti a discarica e
incenerimento. In altri termini, ogni distretto diverrebbe autosufficiente nella
gestione dei rifiuti con impianti di compostaggio, riciclo e riuso destinati
esclusivamente al trattamento dei rifiuti prodotti all’interno del distretto.

E anche la residua frazione indifferenziata potrebbe essere ulteriormente trattata
per effettuare un recupero ex post riducendo davvero al minimo la quantità da
smaltire in discarica o da incenerire.
Oltre a una città pulita e a una diminuzione della Tariffa, si supererebbero anche
gli impianti TMB che ogni tanto la Raggi ci ripropone come soluzione.

Informazioni su Samantha Lombardi 5389 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.