Minacce di morte a dipendenti e proprietario di un deposito giudiziario

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tivoli, sotto l’egida
della Procura della Repubblica, hanno arrestato 2 cittadini italiani di 30 e 43
anni, originari di Napoli e con precedenti, con l’accusa di minaccia aggravata e
detenzione abusiva di arma clandestina in concorso.

I due si sono presentati presso gli uffici di Fontenuova della ditta concessionaria
del deposito giudiziario a cui era stata affidata l’auto sequestrata loro qualche
giorno prima, lamentando presunte parti mancanti e danneggiamenti.

I fatti

Nonostante le spiegazioni fornite dagli impiegati in merito alla conformità dello
stato del mezzo a quanto indicato nel verbale di affidamento, gli uomini, dopo
aver rivolto  minacce – anche di morte – nei loro confronti, hanno preteso di
parlare direttamente con il titolare della ditta, raggiungendolo nella sede della
ditta ubicata a Tivoli, in località Villa Adriana.

La richiesta di aiuto giunta alla Centrale Operativa dei Carabinieri ha consentito
di intervenire rapidamente e di bloccare i due malintenzionati in prossimità
dell’ingresso della ditta.

Durante la perquisizione scattata sul posto, i due uomini sono stati trovati in
possesso di una pistola cal. 6.35 e sette proiettili nascosti nell’abitacolo dell’auto
su cui stavano viaggiando.

Il trentenne è stato rinchiuso nel carcere di Rebibbia mentre il suo “socio” è
stato ristretto agli arresti domiciliari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*