Rottamare la sfera di cristallo?

Rottamare la sfera di cristallo?



Diciamolo: i giorni che precedono Capodanno sono particolari, e pure chi dichiara di non credere ad oroscopi e previsioni cerca l’angolo più nascosto dell’edicola per lanciare una sbirciatina alle riviste specializzate. I cultori della materia saggiamente le comprano tutte fino a che non trovano un verdetto positivo sul proprio segno perché, qualunque cosa se ne dica, leggere un oroscopo buono aiuta ad affrontare meglio il nuovo anno.

Ci si affida alla sfera di cristallo?

I sistemi per carpire un “aiutino” dagli influssi celesti sono innumerevoli e anche in questi tempi tecnologici, ma incerti, si può cadere vittime di seducenti imbroglioni. Insomma la cara vecchia sfera di cristallo ha i suoi convinti estimatori, magari non è pilotata da una signora col turbante ma in versione digitale, ma non importa, deve confermare che le cose andranno bene e dirci chi sono quelli che ostacolano i nostri progetti (non si vedono però ognuno riconosce i suoi!). Potrebbe però essere arrivato il momento di appendere al chiodo la palla di vetro in favore di nuovi dispositivi che promettono di sostituirla con successo. Di cosa parliamo? Si tratta in pratica di computer di ultimissima generazione capaci di elaborare al momento una quantità impressionante di dati e fornire indicazioni.

Arrivano i supercomputer

Come altri oggetti, quale il navigatore adesso di uso comune, sono stati messi a punto in ambito aereospaziale e difficilmente saranno in commercio in tempi brevi e a costi contenuti, ma la promessa è quella di rendere la vita facile. Pensiamo a scelte comuni, che provocano ansie e dubbi, tipo avviare una relazione, cambiare casa o accettare un lavoro. Basta con le notti insonni, il computer ci chiederà di immettere una certa quantità di dati e si otterrà la soluzione.
Anni di stress e di ulcere risparmiate anche se forse bastava dare ascolto alla mamma che aveva detto subito: “Questa non fa per te!”

Parola chiave ottimizzazione dei tempi

Togliendo lo scherzo, una delle variabili del futuro sarà l’ottimizzazione dei tempi in funzione di una pianificazione generale delle attività umane. Già è in atto il progetto che, con un investimento di 500 miliardi di dollari, porterà alla nascita di Neon la prima città completamente automatizzata. Dal semaforo alla serratura di casa risulteranno superate pure le preoccupazioni di dove si è lasciata parcheggiata la macchina o se si è spenta la lavatrice che anzi chiamerà lei per dire che il bucato è pronto e per raccomandare di non fare tardi in quanto il forno è un tipo preciso e l’arrosto all’una è in tavola…

Un futuro ancora lontano perciò non resta che affidarsi per un po’ ai sistemi tradizionali o a qualche conoscente pratico della materia.
Andrà bene… ho avuto informazioni che mi certificano che il mio segno è tra i favoriti del nuovo anno, Se ci credo? Non mi sbilancio…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.