Violenza sulle donne: l’insostenibile assenza dello stato



Qualsiasi forma di violenza su una donna è, a mio avviso, un qualcosa che non deve mai vedere impunito il suo autore, mai!
Quante donne, però, non si sentono tutelate dall’ambiente familiare/amichevole/lavorativo nel quale ogni giorno vivono e, purtroppo, sono vittime?
Lo stato, per queste donne, dov’è?
Dove sono le istituzioni? Non tutte possono contare su familiari o amici.
Ad esempio, in un contesto dove tutto è precario come quello del mondo lavorativo, che tipo di tutela “reale” hanno oggi le donne?
Quante lavoratrici sono costrette a far finta di nulla di fronte a certe (nei migliori dei casi…) battute, proposte indecenti o gesti da parte di capi e/o datori di lavoro?
Non basta una semplice legge per cancellare lo schifo di queste violenze.
Occorrono maggiori assistenti sociali, magistrati, case di accoglienza, centri di ascolto, tutori, psicologi che, avendo un costo, non avremo mai.
Ditemi, ora, che società è quella dove, alle soglie del 2018, una donna deve “lottare” per far valere i propri diritti?
Soprattutto che stato è quello dove la coscienza è salvata da leggi che sono tutela solo sulla carta?
Nel mondo animale è possibile trovare maggiori forme di tutela e civiltà.
Ah, dimenticavo: dove sono gli uomini, quelli veri e, cosa fanno?

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10790 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.