Le tendenze nel mondo dei viaggi nel 2018, scopriamo quali saranno

Le tendenze nel mondo dei viaggi nel 2018, scopriamo quali saranno



Il mondo del turismo sta cambiando rapidamente, diamo un’occhiata a sei tendenze di viaggio che prevediamo domineranno il settore dei viaggi l’anno prossimo.

Viaggiare socialmente consapevole

Le scelte che i turisti fanno all’estero possono avere un effetto tangibile sul benessere sociale, economico e ambientale di un paese. Almeno questo è ciò che pensa l’Organizzazione Mondiale del Turismo. I millennial stanno diventando sempre più consapevoli di ciò che consumano in molti modi e viaggiare non è diverso. Aspettatevi una crescita lenta ma decisiva nel boicottare quei paesi accusati di pratiche non etiche. L’ascesa dell’influenza delle comunità di protesta dei social media negli ultimi anni ha aggiunto carburante a tali pratiche. Tuttavia, alcuni paesi stanno sfruttando questa tendenza emergente a proprio vantaggio. Il Nepal, ad esempio, ha istituito un codice di condotta per “un turismo responsabile della pace”.

Un’esperienza genuina

Le vite delle persone stanno generalmente diventando più confortevoli. Questo sta spingendo sempre più persone a uscire dalle loro zone di comfort e a sperimentare il mondo reale. In un’epoca di società globali senza volto e di turismo commercializzato, le persone stanno cercando di sperimentare nuove culture e interagire con le popolazioni locali. Questo è il motivo per cui le aziende che offrono un’esperienza avventurosa stanno andando bene e perché il turismo in entrata verso i paesi del Sud-Est asiatico sta crescendo così velocemente. La tendenza può anche essere vista nel fatto che oggigiorno i blogger di viaggio sono sempre più influenti sulle decisioni prese dai turisti.

Sovrasaturazione delle destinazioni turistiche

Questo è il risultato di una classe media in rapida crescita, specialmente nei paesi in via di sviluppo. Secondo l’Organizzazione mondiale del turismo delle Nazioni Unite, le visite turistiche internazionali dovrebbero raddoppiare nel prossimo futuro, da circa 800 milioni nel 2008 a 1,6 miliardi entro il 2020. Questo aumento è guidato dall’Asia, il cui turismo in uscita è cresciuto da solo dell’11% lo scorso anno. Con la domanda che supera l’offerta, le destinazioni dovranno adattarsi. Questo potrebbe assumere la forma di tappi turistici, aumenti dei prezzi durante le ore di punta o persino sistemi di lotteria.

Confini più morbidi … con alcune eccezioni

L’accordo di Schengen e il passaporto panafricano sono esempi di schemi internazionali che abbracciano la globalizzazione, tuttavia ci sono paesi che stanno spingendo contro tali iniziative. Il continuo parlare di divieti di viaggio e le negoziazioni sulla Brexit in corso significano che dovremmo goderci la libertà di viaggiare mentre è ancora una realtà.

Turismo e terrorismo

La continua minaccia del terrorismo unita alla frenesia dei media intorno a questo ha avuto un effetto notevole sui viaggi, specialmente nei luoghi che sono percepiti come potenziali bersagli per gli attacchi. La realtà, che è così spesso ignorata, è che la minaccia del terrorismo è marginale rispetto ai pericoli derivanti da altri crimini o malattie. Secondo un rapporto ufficiale, solo una “frazione dell’1%” di viaggiatori è colpita dal terrorismo rispetto a 1 viaggiatore su 14 colpito da altri pericoli. Tuttavia, secondo il sondaggio World Travel Monitor, il 45% dei viaggiatori ha dichiarato di avere “serie preoccupazioni per la salute e la sicurezza”, in particolare per “alcuni paesi”. A loro volta, due terzi degli intervistati hanno dichiarato di voler viaggiare solo verso destinazioni che considerano sicure.

La tecnologia sta cambiando il modo in cui viaggiamo

Non sorprende che gli sviluppi tecnologici giochino un ruolo fondamentale nel rimodellamento dell’industria dei viaggi. Google ha indicato che vuole giocare un ruolo molto più diretto quando si tratta di viaggiare con i propri utenti. Il gigante di Internet ha detto che vuole aiutare le persone a “sognare, pianificare, prenotare e fare esperienza” a viaggiare attraverso i loro prodotti e servizi piuttosto che solo collegandosi ad altri siti web. La società vuole anche espandersi in “connessione tra domanda e offerta”. Ciò significa che siamo forse sull’orlo dell’età degli intermediari online.

Non sorprende che gli sviluppi tecnologici giochino un ruolo fondamentale nel rimodellamento dell’industria dei viaggi. Il continuo cambiamento online ha sollevato preoccupazioni per la privacy degli utenti, tuttavia, secondo un recente rapporto, i millennial sono felici di sacrificare i propri dati personali per ricevere un’esperienza su misura.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.