Protesta dell’Istituto alberghiero di Ladispoli, assemblea in piazza

Protesta dell'Istituto alberghiero di Ladispoli, assemblea in piazza

L’avevano promesso e l’hanno fatto.
Venerdì 24 novembre protesta degli studenti dell’Istituto Alberghiero di Ladispoli che hanno deciso di svolgere in piazza Rossellini l’Assemblea di Istituto
per manifestare il loro dissenso davanti alla cittadinanza e alle Istituzioni.
Motivo della protesta la mancata realizzazione della palestra prevista dal Piano dei Lavori che ha portato all’edificazione del plesso scolastico di via Federici
(inaugurato nel 2013), ma non del Palazzetto dello Sport.
Gli allievi continuano giorno dopo giorno, con evidenti problemi di sicurezza, a svolgere le loro attività di educazione fisica nell’area di manovra del
parcheggio antistante l’edificio scolastico.

Protesta, diritto a manifestare per il diritto

“Manifesteremo fino a quando non ci verranno proposte soluzioni concrete. Abbiamo il diritto di mobilitarci per avere finalmente la nostra palestra” –
ha dichiarato Leonardo De Leonibus, Rappresentante degli Studenti in Consiglio di Istituto, affiancato al megafono dai neoletti ‘colleghi’ Marco Mastropietro
e Luca Saltarelli. “Ladispoli presente” rispondono in coro gli allievi dell’Alberghiero.
Ma anche:”La scuola pubblica non si tocca, la difenderemo con la lotta”.
Come promesso, alle 9 è arrivato il Sindaco Di Ladispoli Alessandro Grando: “Sono  qui per dimostrarvi che il Comune di Ladispoli è con voi e vi ringrazio
perché state manifestando in modo pacifico e corretto.

Proveremo nuovamente a sollecitare la Sindaca Virginia Raggi, Presidente della Città Metropolitana di Roma Capitale, anche attraverso i Consiglieri
Federico Ascani e Alessio Pascucci.
La vostra palestra c’è, sulla carta, ma non è stata costruita nella realtà. Vogliamo risposte concrete”.

Incontro con il sindaco con il 10 novembre scorso

Già il 10 novembre i rappresentanti degli studenti in Consiglio d’Istituto Leonardo De Leonibus, Marco Mastropietro e Luca Saltarelli, insieme a
Michela Rosati e Roberta Graziano (del Comitato Studentesco) avevano avuto un incontro con il Sindaco Alessandro Grando e con l’Assessore ai Lavori
Pubblici Veronica De Santis.
Un nuovo appuntamento con i vertici dell’Amministrazione Comunale era stato fissato per il 20 novembre.
“Siamo qui per risolvere i problemi della città. – aveva dichiarato Alessandro Grando – Scriverò alla Sindaca Virginia Raggi, in quanto la gestione delle
Scuole Superiori è di competenza dell’Area Metropolitana di Roma.
Per quanto riguarda la mancanza di parcheggi nei pressi della scuola, faremo tutto quanto è nelle nostre possibilità per spostare il marciapiede ed allargare
la carreggiata di accesso al plesso di Via Federici.

Così come faremo in modo di mandare una pattuglia della Polizia Municipale negli orari di ingresso ed uscita per evitare che vengano parcheggiate
le auto, anche se per pochi minuti, nei pressi della rotatoria e sul ponte. Contemporaneamente verrà vietato l’attraversamento della strada in
maniera irresponsabile.”

Luca Saltarelli: “Nessuna risposta dalla sindaca Raggi”

“Venerdì mattina (20 novembre n.d.r.) – ha precisato Luca Saltarelli, Rappresentante degli Studenti in Consiglio d’Istituto – il Sindaco ci ha mostrato
l’ e-mail inviata alla Sindaca Virginia Raggi con le richieste di intervento concordate nel precedente incontro, ma non è ancora giunta alcuna risposta.
Abbiamo deciso, quindi, di manifestare in piazza il nostro dissenso e continueremo a farlo fin quando non otterremo riscontri da parte degli
Amministratori competenti”.
La storia è conosciuta: inaugurata a gennaio del 2013, la nuova sede dell’Istituto di via Federici non ha mai visto completare il suo cantiere.

In particolare, non è ancora stato realizzato, sebbene previsto nel Piano dei Lavori, il Palazzetto dello Sport, che oltre a rappresentare uno spazio
polifunzionale da mettere a disposizione della cittadinanza, avrebbe dovuto ospitare la palestra degli studenti dell’Istituto Alberghiero,
Non si contano più i capitoli dell’ annosa vicenda, che continua a trascinarsi stancamente fra le comprensibili proteste dei genitori e degli allievi,
il rimpallo delle competenze e delle responsabilità e le mediazioni della politica.

Appalto finanziato dalla ex provincia

Era il 22 gennaio del 2015, quando l’Amministrazione Comunale di Ladispoli emetteva una nota secondo la quale sarebbero state ultimate tutte le
procedure che avrebbero consentito alla Provincia di Roma (ora Città Metropolitana) di avviare i lavori per la costruzione del nuovo impianto
sportivo coperto.
L’appalto, finanziato dalla ex-Provincia per 563.000 Euro, prevedeva la fine dei lavori entro dieci mesi, il che significa che ad oggi la nuova struttura
avrebbe già dovuto ospitare docenti e allievi dell’Istituto Alberghiero al mattino e appassionati sportivi di Ladispoli nel pomeriggio. Ma sull’area
destinata all’attesissimo Palazzetto continua a crescere l’erba.
Continue le richieste di spiegazioni da parte degli Uffici di Presidenza e Vicepresidenza dell’Istituto Alberghiero, che si sono attivati dal primo giorno,
contattando quasi quotidianamente gli Enti Amministrativi competenti, in primis la Città Metropolitana di Roma Capitale, proprietaria del plesso,
per arrivare quanto prima ad una soluzione.

Assicurare agli studenti il diritto allo studio

“Non possiamo tergiversare o temporeggiare – ha dichiarato a più riprese la Dirigente Scolastica dell’Istituto Alberghiero, Prof.ssa Vincenza la Rosa –
Si tratta di assicurare ai nostri studenti il diritto allo studio.
Lo svolgimento delle attività di teoria e pratica delle Scienze Motorie fa parte del curriculum scolastico.
Stiamo cercando soluzioni alternative, ma le convenzioni con Società Sportive esterne costano e non possiamo chiedere sacrifici alle famiglie.
La palestra è indispensabile”.

 

Informazioni su Emanuele Bompadre 10779 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*