Test MotoGP™ a Jerez, il primo giorno è di Iannone

A Jerez de la Frontera vanno in scena i secondi test MotoGP™ del precampionato 2018. I team della massima cilindrata hanno diviso la pista con le derivate di serie del WorldSBK, veloci come i prototipi della categoria regina e, a dominare la tabella tempi, è stato Andrea Iannone (Team SUZUKI ECSTAR) con il tempo di 1:38.280s e 68 giri a referto.

Tanto il lavoro in questo secondo appuntamento al confine tra il 2017 e l’inizio della nuova stagione che però ha visto l’assenza dei team Yamaha, impegnati a Sepang la prossima settimana, e degli uomini Repsol Honda. Dalle undici molti piloti hanno preso la via della pista sfruttando al massimo le ore contrali della giornata.

Per Iannone un ottimo mercoledì che infonde la giusta fiducia in vista dell’anno che verrà. Il tempo di The Maniac è in linea con il primato delle qualifiche del GP e il lavoro nel box è stato molto. Tante le cose provate dalla scuderia di Hamamatsu e alcune nuove parti sulla GSX-RR evoluta in vista della prossima stagione. In pista anche il collaudatore Sylvain Guintoli. Dietro Iannone ha chiuso a circa 0,05s Cal Crutchlow (LCR Honda).

Test spagnoli molto importanti per Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo (Ducati Team). La formazione di Borgo Panigale si pone al comando della tabella tempi a fine giornata prima, con il pentacampione e poi con il vicecampione. In attesa della definitiva DesmosediciGP versione 2018, il Team ha provato alcune nuove parti lavorando su quanto c’è da migliorare per rendere la desmodromica un’arma infallibile. I due piloti Ducati mantengono il primato per poi essere spodestati da Crutchlow e da Iannone, il loro ritardo sarà di 0,118s e 0,138s.

Presente da protagonista anche il team Red Bull KTM Factory con Pol Espargaro e Bradley Smith. Quello del box austriaco (cambiato in alcuni membri) sarà un impegno in diverse direzioni, come il nuovo telaio, un nuovo forcellone e un miglioramento dell’elettronica. Nel pomeriggio sono state fatte anche delle nuove prove su diversi assetti e il catalano ha chiuso come quarto alle spalle dei ducatisti dimostrando un grande passo. La RC-16 inizierà la sua seconda stagione nella classe regina con grandi prospettive e forte di una crescita esponenziale.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10131 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*