X Municipio, i nuovi consiglieri dell’era Di Pillo

elezioni ostia x municipio

Si sono chiuse ufficialmente le elezioni Ostia con il ballottaggio di domenica 19 novembre.
In lista la candidata del Movimento 5 Stelle Giuliana DI Pillo e la candidata del centrodestra unito Monica Picca.
A vincere in una giornata dove ha vinto principalmente l’astensionismo è stata Giuliana Di Pillo con il 60% delle preferenze di chi ha votato.
Una campagna elettorale che finalmente si chiude e che ha visto su tutti un batti e ribatti, un attaccarsi a vicenda, un difendersi da colpi bassi e dichiarazioni
più o meno ai limiti della correttezza.

X Municipio si riparte da dove si era interrotto

Con la vittoria della candidata del Movimento 5 Stelle si riparte da dove ci si era fermati, ricordiamo infatti che la Di Pillo è stata la delegata della
sindaca Raggi in questo periodo di commissariamento e che ha visto lentamente ma inesorabilmente il declino e la fine di un municipio, a mio avviso
il più importante di Roma, e che è richiamato a rialzarsi per far si che tutto quello che si è detto in questi lunghi giorni di campagna elettorale
sia definitivamente lasciato ai posteri.

Il Municipio pericoloso

Un municipio che è stato dipinto come uno dei posti più brutti e pericolosi non solo d’Italia ma anche d’Europa, con giornalisti che già da tempo avevano
cominciato il linciaggio mediatico con la famosa giornalista di La7 che dice al suo inviato “Tornami vivo da li”, come se il collegamento era da Kabul.
Un linciaggio mediatico amplificato ancor di più da una testata, e non in gergo giornalistico, che ha fatto “scoprire” gli altarini, come se gli
Spada, i Fasciani e i Triassi fossero nomi nuovi del territorio quando sono decenni che chi dovrebbe contrastarli non lo fa e chi ancora fa finta di meravigliarsi spalancando la bocca dietro ad un “non me lo aspettavo che anche qui…

15 giorni in cui abbiamo visto sul territorio, giornalisti, cameraman, tv nazionali, leader politici, attivisti e le marce.
Quelle marce che hanno voluto sottolineare che c’è chi dice no, quelle marce di persone e personaggi di Ostia (e non solo) che si sono risvegliati
dopo una “capocciata”, perché il malaffare si combatte solo quando si fa vedere e non durante tutto l’anno, anzi durante tutti gli anni che ha dilagato su
questo territorio.

Buon lavoro a Giuliana Di Pillo

Tralasciando polemiche e punti di vista politici, adesso c’è bisogno di andare avanti e farlo velocemente e bene, bisogna far ripartire la macchina
amministrativa e far si che l’economia e non solo quella si rimetta in moto. Ci penserà la giunta Di Pillo e i consiglieri che sono stati eletti e che formeranno governo e opposizione.
La presidente sarà Giuliana Di Pillo, e che porterà  i consiglieri del M5S, Sabrina D”Alessio, Fabrizio Mattei, Agnese Manuelli, Vittorio Allegrini,
Antonio Di Giovanni, Enrico Sarazzi, Filomena Cotti Zelati, Luca Mantuana, Danilo Ricci, Francesco Vitolo, Alessandro NAsetti, Catia Guerreschi,
Giancarlo Prossomariti e Raffele Presta. All’opposizione ci sarà il centrodestra con Monica Picca, Mariacristina Masi, Pierfrancesco Marchesi e Pietro Malara.
Athos De Luca e Margherita Weylam del PD, Luca Marsella di CasaPound, Franco De Donno di Laboratorio Civico X e Andrea Bozzi.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10778 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*