WEC, 6 Ore Bahrain: pole e vittoria per Rigon a Sakir

Sul circuito di Sakir, teatro della 6 Ore del Bahrain e appuntamento conclusivo del Campionato del Mondo GT FIA WEC, Davide Rigon in coppia con Sam Bird ha messo insieme il weekend perfetto portando in trionfo la Ferrari 488 GTE-Pro numero 71 del team AF Corse. A Davide è mancato solamente il giro più veloce della gara, sfuggito per un decimo.

Dopo aver conquistato la pole position numero quattro della stagione, infliggendo ai diretti avversari su Aston Martin e Ford un distacco importante superiore ai tre decimi, la coppia italo-inglese ha agguantato lo scalino più alto del podio bissando il successo agguantato a Spa-Francorchamps, proprio davanti alla vettura gemella numero 51 dei neo-campioni del Mondo Pier Guidi/Calado con un arrivo sul traguardo in parata. Lungo i 5412 metri la vettura di Maranello si è dimostrata perfettamente a suo agio riuscendo a gestire al meglio i suoi pneumatici, arrivando a doppiare la concorrenza e firmando il 22° successo Ferrari nel WEC, il 27° se si considerano quelli ottenuti nell’Intercontinental Le Mans Cup 2010 e 2011.

“Concludere la stagione con una pole position e una vittoria è assolutamente fantastico. Il weekend non era iniziato nel migliore dei modi per noi, ma dopo diverse prove di set-up abbiamo trovato il bilanciamento ottimale che ci ha consegnato una pole position quasi inaspettata. Anche in gara la macchina si è dimostrata la migliore vettura del lotto e tutto è andato per il meglio. Nell’ultimo stint Sam aveva un ritmo fantastico e l’arrivo in parata insieme ad Alessandro e James è stata il degno finale di un weekend perfetto. Faccio i miei complimenti a nuovi Campioni del Mondo e ringrazio tutti i ragazzi della Ferrari e del team AF Corse per una grande stagione. Purtroppo alcuni episodi nella seconda parte dell’anno hanno condizionato il risultato finale, ma fanno parte delle corse” commenta Davide Rigon

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10131 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*