Patenti nel nuovo codice della nautica: come conseguirle

Patenti nel nuovo codice della nautica: come conseguirle

È da poco entrato in vigore il nuovo codice della nautica. Ad averci lavorato è stato il Consiglio dei Ministri che, a seguito delle richieste esplicite
effettuate da Graziano Delrio, Ministro delle infrastrutture, ha approvato tale codice che ha come obiettivo quello di semplificare e di agevolare la
competitività.
Ciò, ovviamente, in sinergia con le normative europee.
Entrando più nello specifico, è utile precisare che il codice in questione coinvolge sia le barche cosiddette per il tempo libero che i porti turistici e le imprese
che gravitano intorno a tale settore.
Stando alle dichiarazioni del Ministro Delrio con questo codice il settore potrà godere di un nuovo impulso.

Patenti, si favorisce la cultura e l’economia del mare

Da non sottovalutare è anche il fatto che in questo modo si avrà la possibilità di favorire la diffusione della cultura e soprattutto dell’economia, appunto,
del mare. Un’attenzione particolare è stata riservata anche ai diportisti oltre che ai professionisti. Grande protagonista, poi, è la sicurezza e la protezione
del mare, non ostacolando allo stesso tempo lo sviluppo turistico, purché sostenibile.
Tra le novità introdotte dal nuovo codice ci sono: l’anagrafe delle patenti nautiche, la figura del mediatore che altro non sarà che colui che concluderà i
vari contratti relativi alle barche, l’istruttore di vela come figura professionale, la vigilanza cosiddetta amministrativa oltre che tecnica da parte delle città
metropolitane o delle province delle scuole nautiche, la giornata del mare, la ottimizzazione dei controlli e il relativo inasprimento delle sanzioni per chi
guida una barca sotto effetto di alcool o stupefacenti, le procedure per installare sistemi ecocompatibili e il dry storage, una sorta di ricovero cosiddetto a
secco per le imbarcazioni di piccole dimensioni.

Come conseguire la patente nautica

Chi ha intenzione di conseguire la Patente nautica da diporto non dovrà fare altro che rivolgersi a Vivere la vela , una scuola operante nell’interland
milanese che mette a disposizione di tutti gli interessanti un team di docenti altamente qualificati che nel corso del tempo, grazie alla passione per il mare e
le barche, si sono formati sul campo e ad oggi hanno tutte le carte in regola per consentire a chiunque di superare gli esami necessari per conseguire la patente
nautica a pieni voti.
Per quanto riguarda i corsi per conseguire la patente nautica necessaria entro le 12 miglia si ha la possibilità di scegliere tra la modalità tradizionale e
una vera e propria full immersion. In questo ultimo caso, il test verrà effettuato nella sede di Milano della motorizzazione.
Per la patente nautica cosiddetta senza limiti, la modalità è solo quella tradizionale.

Le lezioni, quindi, si svolgeranno a Milano e gli esami a Genova presso la Capitaneria di porto

Interessante è anche il fatto che, dopo aver superato l’esame, con Vivere la vela si avrà la possibilità di prendere parte a corsi attraverso i quali ottenere
una piena e completa autonomia in mare
.
Tutti coloro che hanno intenzione di conseguire la patente nautica, alla luce anche delle nuove normative previste dal codice di riferimento
(per info: Nuovo Codice nautica, le novità), non devono fare altro che prendere informazioni dettagliate e procedere con l’iscrizione sia ai corsi che agli
esami in modo tale da poter riuscire in breve tempo a solcare i mari nel totale rispetto delle regole vigenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*