La Formula 1 è quasi giunta al termine: ad Abu Dhabi per il gran finale

La Formula 1 è quasi giunta al termine: ad Abu Dhabi per il gran finale

La Formula 1 è ormai quasi giunta al termine, manca infatti soltanto la gara di Abu Dhabi per far calare il sipario su una competizione che ormai ha ben
poco da dire, sia per quanto riguarda il mondiale costruttori e sia per quanto riguarda quello dedicato ai piloti.
Qualche giorno fa ad Interlagos, in Brasile, la Ferrari è riuscita a piazzare ben due vetture sul podio, un risultato ottenuto grazie alla vittoria di
Sebastian Vettel
(che ha interrotto un digiuno di 8 gare) ed il 3° posto dell’esperto finlandese Kimi Raikkonen.
Nonostante il 229° trionfo della scuderia italiana la scena è andata nuovamente in casa Mercedes, non per il 2° posto di Valteri Bottas (grande rivelazione stagionale)
ma per la super rimonta effettuata del campione del mondo Lewis Hamilton, capace di arrivare 4° dopo esser partito dall’ultima posizione.

La Formula è all’ultima gara dell’anno

Il prossimo 26 maggio la competizione terminerà con il Gp di Abu Dhabi, un gara che fondamentalmente dirà ben poco.
Lewis Hamilton, pilota americano della Mercedes, ha già chiuso la pratica mondiale lo scorso 29 ottobre in Messico, mentre la battaglia per il mondiale
costruttori si è già concluso da tempo con la vittoria della stessa scuderia tedesca.
Ciò che rimane è quindi l’assegnazione “finale” di alcune posizioni nella classifica generale dedicata ai piloti, con Sebastian Vettel quasi sicuro della seconda piazza,
per non blindarlo dovrebbe arrivare oltre l’ottavo posto con Bottas vincitore, e Daniel Ricciardo e Kimi Raikkonen a giocarsi il 4° posto.

Tutto questo sarà possibile anche grazie all’assegnazione punti F1 che abbiamo in vigore dal 2010, un sistema che vede andare a punti i primi dieci classificati
con la ripartizione 25, 18, 15, 12, 10, 8, 6 ,4, 2, 1; nel 2014 addirittura i punti nell’ultimo Gp valevano il doppio.
Questo sistema è cambiato nel corso degli anni, dal 2003 al 2009 per esempio andavano a punti i primi 8, mentre precedentemente soltanto i primi 6.
Il primo sistema invece, quello degli anni ‘50, “mandava” a punti i primi 5 classificati (8,6,4,3,2) e dava un punto ulteriore a chi in gara faceva segnare il
miglior giro veloce.
Come sempre nel corso degli anni si è destinati a cambiare ma per quanto riguarda il sistema di assegnazione punti non sono, almeno per il momento,
previste modifiche.

1 Trackback / Pingback

  1. Formula 1 Abu Dhabi: Verstappen carico, Ricciardo punta al successo - Arcobaleno Sport

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*