Un solo paio di pantaloni

Un solo paio di pantaloni

Gli oggetti c’invadono, si accumulano, richiedono spazio, allo stesso tempo abbiamo bisogno di loro per sentirci a casa e soprattutto di quelli scelti personalmente.
La rivista Life at Home Report ha testato per sei mesi un campione di 22 mila persone di età compresa fra i 18 e i 65 anni per conto di un marchio di arredamenti.
Lo scopo era capire cosa determina la sensazione di relax quando si è a casa e cosa invece la disturba.
I principali  ostacoli al rilassamento sono: l’invasione del proprio spazio, l’eccesso di oggetti e il fastidio per le cose altrui. In case sempre più piccole ricavare un angolo in cui ricaricarsi non è facile e questo determina una certa irritabilità, che porta a spostare o eliminare gli oggetti che non sono propri.

A volte si buttano le cose del partner

Rispondendo alle domande del questionario diversi intervistati hanno ammesso, con un certo imbarazzo, di aver buttato indumenti o effetti personali del partner in sua assenza.
O di aver adoperato alcune cose, gelosamente riposte, quando non c’era. Vale specialmente per i dispositivi tecnologici, occultati in maniera da poter capire se sono stati usati e a cui vengono messe tutte le password possibili per ritrovarli intatti al ritorno.
Ma parliamo anche di oggetti pratici: le pantofole comode o la tazzina preferita, la spazzola col manico di legno  sono fondamentali per sentirsi comodi.
Cosa accade allora se questi baluardi della serenità domestica sono introvabili?
Innanzi tutto nel momento in cui chi li ha persi avvia un’indagine interna bisogna mantenere la calma, ricordando che le liti peggiori avvengono per motivi banali.
Seconda cosa evitare di farsi attirare verso il soggiorno, sempre la rivista Life at Home Report ha verificato che è la stanza in cui si litiga di più in assoluto.
Ben il 56% del campione ha dichiarato di sceglierlo come campo di battaglia e la presenza di televisori e sistemi di home intertainement ne fanno il luogo privilegiato dove accapigliarsi su “chi ha comprato cosa….. spendendo quanto…..”

Decluttering e si vive meglio

Sarà per questa invasione degli oggetti che sta prendendo piede la teoria del Decluttering letteralmente fare spazio liberandosi del superfluo.
Pulire lo spazio che ci circonda riducendo le cose a quelle essenziali pare abbia effetti benefici sulle relazioni fra le persone che vivono nella stessa casa.
Ci sono però applicazioni estreme di questa teoria che portano ad eliminare l’abbigliamento conservando un solo paio di pantaloni o una gonna e magari un ricambio.
Via quello che non serve anche nell’arredamento: una sola sedia, massimo due sono sufficienti.
Che dire  ognuno è libero di cercare la soluzione migliore al proprio benessere, l’importante sia un scelta e non una necessità e poi vuoi mettere al mattino?
Ti vesti in due secondi con zero indecisioni, un solo paio di scarpe, o quelle o esci scalzo.
Anche il soggiorno non farà più paura perché seduti sul divano, solo mobile rimasto, mancherà la materia prima per litigare. Finalmente pace e tranquillità…

Informazioni su Emanuele Bompadre 10706 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*