MotoGp, si apre il 2018: Viñales è il più veloce

A Valencia si è chiusa la stagione e, nel martedì dopo l’ultimo GP dell’anno, la classe regina scende in pista al Ricardo Tormo per aprire il 2018. Sono i primi test ufficiali del precampionato, ricchi di novità che già proiettano la massima cilindrata nel futuro. Le condizioni climatiche sono ottime ed escludendo la temperatura rigida della mattina sulla pista di Cheste splende un caldo sole. Il più veloce è stato Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP).

La sfida iridata si è chiusa con il trionfo di Marc Marquez; il pilota Repsol Honda ha raccolto la sesta corona della sua fenomenale carriera e, in questo primo turno di prove, è tra i primi ad uscire in pista. Nel corso della giornata proverà alcune nuove specifiche chiudendo con il terzo tempo, un ritardo di 0,3s dalla vetta e 70 passaggi all’attivo. La gara valenciana è stata vinta da Dani Pedrosa; anche il veterano del team Repsol è stato impegnato in un grande lavoro portando in pista anche una nuova carenatura e alcuni pezzi novità per l’anno prossimo.

ndrea Dovizioso e Jorge Lorenzo (Ducati Team)hanno lavorato su alcune specifiche del 2018. La nuova DesmosediciGP però non è ancora pronta ed entrerà in pista nei primi test dell’anno che verrà. Sia il vicecampione del mondo sia il maiorchino girerano su moto ‘ibride’. Dopo essere rimasto al terzo posto della tabella tempi Dovizioso chiude come settimo (50 giri) mentre per Lorenzo è l’ottavo tempo (48 giri).

Il team Movistar Yamaha MotoGP inizia i test con la grande voglia di fare bene. Il lavoro del box di Iwata è complesso e su vari tipi di moto, la versione 2017, una 2016, più un mix di combinazioni tra vecchi pezzi e quelli nuovi come ad esempio il motore. Per ora non ci sono particolari evoluzioni di telaio, anzi, le prime prove della stagione rappresentano la voglia di riprendere la strada passata. La M1 definitiva 2018 arriverà solo l’anno prossimo e si proveranno solo due nuovi motori uniti ai vecchi telai e a quelli più recenti.

In gara a Valencia, Maverick Viñales e Valentino Rossi hanno corso con la componente della scorsa stagione e, solo a partire da domani, si deciderà quale strada prendere per lo sviluppo; se incentrarsi sulla moto del 2016 o evolvere la M1 2017 nella 2018. Per Il Dottore, ad inizio mattinata, anche una caduta alla curva 10 che ha l’effetto di danneggiare gravemente la moto ma non incidere sulla prima giornata di test. Rossi riprende le sue prove e sale nella top cinque quando alla fine manca un’ora; terminerà come quarto con a referto 63 tornate. Mentre il talentuoso catalano si mette al comando della tabella tempi con il giro chiuso in 1:30.189s. Sarà il migliore della giornata, arrivato con le specifiche 2016 percorrendo un totale di 80 passaggi.

Johann Zarco (Monster Yamaha Tech 3) lavora invece sulla YZR-M1 2017 e chiuderà come con un intenso impegno sugli assetti. Ancora assente Jonas Folger, secondo pilota satellite di Iwata. Il francese, ormai ex rookie, mette a referto il miglior tempo quando alla fine manca circa un’ora e mezza. Un primato che arriva con la moto che ha generato più di qualche problema al box Movistar. Il tempo di Zarco: 1:30.389s, e sarà il secondo della tabella crono a 0,2s dal riferimento.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*