F1, Brasile: successo Ferrari

La Scuderia Ferrari torna a vincere, per la quinta volta nel 2017, in un Gran Premio del Brasile emozionante, gestito alla perfezione dai piloti e dalla squadra. Si è corso con 30 gradi nell’aria e quasi 60 di asfalto, con la necessità di gestire la meccanica e soprattutto le gomme. Essere riusciti a conquistare un doppio podio è il segnale più chiaro che la Ferrari non molla mai.

Lo spunto di Seb alla partenza è vincente, guadagna la prima posizione infilandosi all’interno in curva 1. Kimi mantiene la terza ma dietro è subito caos, con incidenti multipli. Entra la safety car e i piloti devono passare dalla corsia box per permettere di ripulire l’asfalto (caldissimo, al via siamo a 54 gradi) dai rottami.

Cinque giri se ne vanno così, la corsa riprende a posizioni di testa invariate. Si attiva il DRS ma Seb ha un margine oltre il secondo. Il caldo costringe tutti a controllare il ritmo per non surriscaldare la gomma, mentre si avvicina la “finestra” per il pit-stop. La giostra inizia con Bottas al 28esimo giro, che tenta l’undercut. Seb spinge al massimo per conservare il vantaggio. Esce dalla serpentina della pit-lane ancora primo e subito allunga. Va ai box anche Kimi, che rientra agevolmente davanti a Ricciardo e Verstappen. Le due Ferrari, in questa fase, sono entrambe in grado di girare sotto l’1’13”.
Hamilton, che partiva dal fondo e non aveva ancora cambiato pneumatici, lo fa al giro 44 e Seb torna leader del GP, controllando il margine su Bottas. Kimi si difende con il miglior passaggio personale dalla rimonta di Hamilton, a tratti avvicinandosi a Bottas.
Il finale è tiratissimo. Seb tiene, Kimi anche. E fanno cinque vittorie e diciannove piazzamenti sul podio in questa stagione 2017.

Fonte: ferrari.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*