Eicma, quo vadis?

Eicma, quo vadis?

La settantacinquesima edizione dell’Eicma si è appena conclusa e molte sono le considerazioni da fare.
Innanzitutto mi ha fatto enormemente piacere vedere nei giorni dedicati alla stampa e agli addetti ai lavori tanta gente.
Vuol dire che il settore delle due ruote è sano ed è in crescita.
Le presenze in più significano più posti di lavoro e maggiore economia coinvolta nel comparto.
Ho la fortuna di vivere professionalmente la mia passione e di sola passione, però, non si campa; per intenderci, con la semplice passione non paghi le bollette.
Pertanto la notevole affluenza avuta nei primi due giorni, quelli dedicati alla stampa e agli addetti ai lavori, la saluto come una benedizione sia per me sia per chi è coinvolto professionalmente nel comparto motociclistico.
Anche l’affluenza di pubblico (oltre 700.000 presenze) è stata a dir poco eccezionale, a testimonianza che coloro che hanno la moto dentro sono in tanti; anche questo dato lo vedo come manna che cade dal cielo.

Eicma, su tutte la Panigale V4 ma occhio all’elettrico

Cosa mi è piaciuto? Partiamo dalla più attesa ed ammirata, la Panigale V4.
E’ un modello che rappresenta non solo un nuovo capitolo sportivo per un’importante azienda italiana ma anche un profondo cambio generazionale industriale.
Sfida che, ricordiamo, dal punto di vista tecnico ha lanciato per prima l’Aprilia, alla quale auguro di tornare di nuovo a suonare sinfonie di prestazioni ed emozioni in maniera più continua.
Altro modello, seppur in fase ancora prototipale, del Made in Italy che ho trovato interessante è la Moto Guzzi Concept V85; rappresenta il futuro prossimo della casa di Mandello del Lario.

Di lei apprezzo l’interpretazione classica del filone enduro stradale, con connotazioni tipicamente italiane come il telaio a traliccio.
Ho ben visto, poi, le sette nuove sfide della Benelli, sempre più indirizzata verso le cilindrate piccole e medie.
Quest’attenzione premia la casa di Pesaro e consente di mettere in sella sia i più giovani sia i meno giovani che non dispongono di grossi budget.
Il design del Yamaha Niken lascia un pochino spiazzati, ma l’idea la trovo molto interessante.
Con le nostre strade sempre più disastrate e con l’età media dei motociclisti in aumento, questa tipologia di veicolo troverà terreno fertile.
Quella che, però, più mi ha sorpreso è la piccola Trial Beta con motore elettrico.
Piaccia o no, l’elettrico è un futuro sempre più prossimo e meno remoto.

Godersi il momento di mercato

Tutto sommato non ci sono stati grossi fuochi d’artificio, ma la festa è stata lo stesso bella.
Dopo anni di grandi novità, forse, le case hanno deciso di godere il consolidamento del mercato.
Una cosa, però, va detta e deve essere analizzata nei prossimi mesi, per rilanciare davvero le due ruote sia in termini di veicoli che appagano una passione sia in termini di veicoli utili per vincere le sfide del traffico quotidiano: all’Eicma le assicurazioni non devono essere più assenti.
Se ancora oggi il mercato delle due ruote non riesce a spiccare definitivamente il volo è perché i premi da pagare per assicurare un veicolo sono elevatissimi.

Viene, inoltre, effettuata una discriminazione territoriale in contrasto con quanto stabilito dalla nostra Costituzione che, ricordo, sancisce che non devono esserci discriminazioni tra i cittadini italiani; ci deve essere uguaglianza formale e sostanziale tra gli italiani di fronte alla legge.
Bene, se la RCA è obbligatoria per legge, che uguaglianza c’è nello discriminare chi vive nel meridione rispetto a chi vive nel settentrione?
Che uguaglianza c’è nel non vedere trattate allo stesso modo una prima classe di Napoli rispetto ad una prima classe di Milano o di Firenze?
Perché, poi, iniziare dalla quattordicesima classe?

C’è chi parla di problema frodi

Care assicurazioni, se sapete chi froda, perché non colpire chi viola la legge e premiare chi, invece, è ligio e rispettoso?
Dimenticavo, fosse così, non avrete, poi, delle scuse banali per giustificare gli assurdi rincari.
Care assicurazioni non potete più non tenere in considerazione che tutti i cittadini hanno pari dignità e sono uguali di fronte alla legge.
Tra l’altro rispetto ai premi applicati in Francia o Germania, anche chi non è meridionale avrebbe qualcosa da dire in merito.
Se la nostra attuale classe politica, grazie ai soliti giochetti di convivenza lobbistica, fa finta di nulla, gli addetti ai lavori, dal grande costruttore al piccolo artigiano, devono pretendere il coinvolgimento delle assicurazioni.
La passione per le due ruote non può essere mortificata da simili ingiustizie sociali.
Un settore economico importante per la nostra nazione non merita la creazioni di finti ostacoli per arricchire le solite compagnie e non consentire la creazione di nuovi posti di lavoro.
Svegliamoci!

Un ringraziamento è doversoso

Ringrazio gli sponsor Scotland, DotoliM2, HPN e Twins per il fondamentale appoggio; apprezzo molto la vostra passione e mi lusinga avervi come amici e sostenitori.
Un grazie va anche al mio editore, Emanuele Bompadre; mi sopporta dal lontano dicembre del 2014…
Infine, permettetemi, un grande grazie a mio padre Luigi, centauro di appena 70 anni.
Quest’anno ho realizzato il sogno di visitare insieme a lui l’Eicma; mi ha commosso vederlo giocare come un bimbo nel paese dei balocchi.

Ecco, non smettiamo mai di essere dei bimbi felici in sella alle nostre amate; il motociclismo è una bellissima passione che unisce.

Non perderti la galleria fotografica

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*