Gran Premio del Brasile, Ferrari: “Siamo qui per lottare per la vittoria”

Pioggia al mattino, sole e caldo al pomeriggio. Il tempo di Sao Paulo tiene fede alla sua tradizione di imprevedibilità e questo dovrebbe rendere ancora più incerta la prossima sfida. Mancano due gare alla fine del campionato e i piloti della Scuderia Ferrari sono decisi a trarne il meglio.

“Il tempo passa e guarisce”, spiega Seb. “Il Messico è stata una grande delusione, ma adesso c’è un’altra gara, una sfida diversa da raccogliere. Per questi due ultimi Gran Premi vogliamo, con tutta la squadra, fare le cose veramente bene e goderci questi weekend di gara. Non abbiamo abbandonato il lavoro sulla macchina, i miglioramenti fatti quest’anno serviranno anche per il futuro: lo sviluppo non si ferma e, visto anche che le regole non cambieranno molto, possiamo imparare molto da quest’anno e trasferirlo sul prossimo. Questa pista mi piace davvero, mentre non mi soddisfa il fatto che ogni anno si cambino i cordoli, ma non sono io a decidere. Nel complesso comunque è un gran bel posto e non vedo l’ora di correre qui”.

“Interlagos è una bella pista”, dice Kimi “corta e con poche curve. Correre qui non è mai facile, e può succedere di tutto. Mi sono capitate corse belle e altre meno, ma tutte interessanti. Il tempo può cambiare all’improvviso e il tempo sul giro così breve fa sì che in pista si sia sempre uno vicino all’altro. Anche se entrambi i campionati sono ormai decisi, siamo qui per cercare di vincere e fare del nostro meglio. Poi, a fine anno, vedremo dove saremo”.

Fonte: ferrari.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9903 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*