Ugo Fangareggi, addio al regista e attore, aveva 79 anni

E’ morto questa notte a Roma l’attore e regista Ugo Fangareggi. Aveva 79 anni. Nato a Genova il 30 gennaio 1938, aveva partecipato a molti film utilizzando sia il suo vero nome Ugo Fangareggi sia gli pseudonimi Hugh Fangar-Smith e Ugo Mudd.
Si è affermato come attore caratterista specializzandosi in particolar modo nel genere comico.

Ugo Fangareggi: numerosi i film cui ha partecipato

Tra i numerosi film cui ha partecipato si ricordano

  • “Colpo gobbo all’italiana” di Lucio Fulci (1962),
  • “La Parmigiana” di Antonio Pietrangeli (1963),
  • “La congiuntura” di Ettore Scola (1965),
  • “Made in Italy” di Nanni Loy (1965),
  • “Rita la zanzara” di Lina Wertmüller (1966),
  • “L’armata Brancaleone” di Mario Monicelli (1966),
  • “Operazione San Gennaro” di Dino Risi (1966),
  • “Il gatto a nove code” di Dario Argento (1971),
    “Una ragione per vivere e una per morire” di Tonino Valerii (1972),
  • “Ultimo tango a Zagarolo”di Nando Cicero (1973),
  • “4 marmittoni alle grandi manovre” di Marino Girolami (1974),
  • “Kakkientruppen”di Marino Girolami (1977),
  • “Pierino la Peste alla riscossa” di Umberto Lenzi (1982]),
  • “Lascia perdere, Johnny!”di Fabrizio Bentivoglio (2007) e “Cacao” di Luca Rea (2010).

Molto attivo anche in televisione nel 2010 recita nella miniserie tv per Rai 1 dal titolo “Il signore della truffa” accanto
a Gigi Proietti nel ruolo di Osvaldo Franzoso, il portiere dello stabile teatro della vicenda.
Aveva una compagnia teatrale amatoriale con sede a Ornaro una frazione del comune di Torricella in Sabina, chiamata “Gli indipendenti di Ugo Fangareggi” di cui fanno parte Bruno Di Mattei, Ivan Maistrello
ed Edoardo Spallazzi.

Nel 2013 ha girato una docufiction di 45′ sul morbo di Parkinson dal titolo “Ho un buco giovedì”.
Per volontà della stesso Fangareggi l’attore sarà cremato. Nei prossimi giorni si svolgerà un funerale laico
per dare l’ultimo saluto all’artista.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*