Smaltiva rifiuti speciali bruciandoli: nei guai il costruttore di scenografie di Lo chiamavano Jeeg Robot

Smaltiva rifiuti speciali bruciandoli: nei guai lo scenografo di Lo chiamavano Jeeg Robot

La gestione rifiuti speciali è regolata da una normativa molto severa che riguarda tutti coloro che devono smaltire rifiuti speciali per lavoro ma anche per tutti
quei privati che per qualsiasi motivo hanno a che fare con rifiuti che non possono essere smaltiti nella normale raccolta differenziata.
Per la gestione dei rifiuti speciali, si deve fare un accordo con aziende che si occupano esclusivamente di questo tipo di rifiuto visto che di solito la gestione dei
rifiuti speciali non viene fatta dalle aziende comunali.

La normativa inoltre prevede non solo delle multe molto alte che arrivano fino a 26 mila euro ma anche alla reclusione fino a due anni a seconda della pericolosità
dei rifiuti speciali.

Rifiuti speciali, operazione dei carabinieri nei guai uno dei costruttori di Lo chiamavano Jeeg Robot

Proprio in queste ore infatti i carabinieri sono intervenuti arrestando  4 persone e denunciandone altre 3; bilancio dell’attività svolta d in materia di reati ambientali
nelle ultime 48 ore.

Nello specifico, i Carabinieri della Stazione Roma Appia sono intervenuti prima in via Lucrezia Romana, in un’area verde di un’azienda produttrice di materiale scenografico.
In manette sono finiti il titolare, un romano di 49 anni, e due dipendenti, cittadini romeni di 40 e 23 anni che avevano lavorato al film pluripremiato
Lo chiamavano Jeeg Robot.

In via Fratelli Marchetti, in un’area di pertinenza di una ditta produttrice di infissi, i Carabinieri hanno poi arrestato in flagranza un operaio, 22enne di origini romene,
e denunciato i tre amministratori della società.

Per tutti l’accusa è di gestione e combustione illecita di rifiuti.
I Carabinieri li hanno sorpresi mentre erano intenti ad incendiare scarti di lavorazione e materiali impregnati di vernici.
Per questi rifiuti speciali  la normativa sull’ambiente prevede specifiche modalità di smaltimento, per la tutela della salute pubblica.

I comportamenti dei soggetti hanno integrato il reato di combustione illecita di rifiuti speciali previsto dalla legge n. 6/2014 che ha convertito il Decreto Legge,
136/2013 emanato in situazione di urgenza per far fronte alle esigenze connesse alle vicende della Terra dei Fuochi.

Continua il lavoro delle forze dell’ordine riguardo lo smaltimento rifiuti speciali

I recenti arresti, che si aggiungono ad ulteriori 2 arresti ed alla denuncia di altre 6 persone, operati nel mese di settembre scorso, sempre nei pressi dell’area
del parco  archeologico dell’Appia Antica e della zona industriale in via Lucrezia Romana, grazie soprattutto ai residenti ed i comitati di quartiere, che avevano
manifestato ai Carabinieri delle lamentele e preoccupazioni, circa il cattivo odore prodotto dai fumi generati da alcuni incendi che nell’ultimo periodo si erano
registrati in quelle zone.

Le due aree sono state sequestrate, mentre gli arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

(Visited 47 times, 1 visits today)

Informazioni su Emanuele Bompadre 10685 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*