Ilva, il gioco delle parti del ministro Calenda

Acceso question time alla Camera sulla vicenda dell’Ilva. Due le interrogazioni presentate una da Mdp e una da Sinistra Italiana-Possibile. Ad entrambe il ministro non ha replicato fornendo informazioni, ma anzi accusando gli interrogandi di voler fare campagna elettorale sulla vicenda.

Le domande di SI-Possible erano chiare e sono state avanzate in prima istanza dal deputato Luca Pastorino  che ha chiesto al Ministro Calenda di dare delle risposte riguardo al fatto che: «Prima i commissari, in accordo con il Governo, sottoscrivono il protocollo con ArcelorMittal salvo poi essere smentiti dal Ministro Calenda dopo che si è accorto che quel protocollo prevedeva esuberi per 4.000 lavoratori e nuovi contratti con il Jobs Act. Il Governo chiarisca perché i commissari di Ilva hanno sottoscritto il protocollo con ArcelorMittal nel quale sono descritti gli obiettivi definiti poi irricevibili dal Ministro dello Sviluppo Economico e definisca un adeguato un piano industriale per l’Ilva e per l’intera  siderurgia italiana».

In conseguenza di quanto accaduto ha poi insistito il deputato ligure «Io credo che questa sia una situazione poco chiara e che necessita di essere chiarita, perché questo tavolo è stato rimandato sine die ma noi pensiamo che questo tavolo debba essere convocato subito perché altrimenti questo è un processo che rischia di andare un po’ per conto suo. Quindi, il Governo, secondo noi, deve rifiutare l’offerta di ArcelorMittal, irricevibile per gli esuberi previsti, e riprendere il controllo di Ilva per costruire un piano industriale serio ed efficace, un piano industriale basato su due assi prioritari che, appunto, escludono i licenziamenti e qualsiasi azione che intacchi i diritti lavoratori nonché soprattutto la salvaguardia della salute e dell’ambiente».

Nella risposta del ministro Calenda arriva la sua posizione e quella del governo ribadendo che: «Sono vietati gli aiuti di Stato sull’acciaio, non è una cosa che si può bypassare. Lungi dal discutere di questa crisi in maniera ideologica, bisogna leggersi le carte». Il Governo «vuole mantenere il negoziato con la cordata Am Investco continuando a richiamarla al rispetto degli obblighi, continuando a spingere affinché il tavolo si riapra nel modo giusto». E sulla questione della lettera di convocazione per il ministro «I Commissari non hanno sottoscritto e quello non è un patto, come è scritto nell’interrogazione – l’avvio dell’articolo 47 – ma è una lettera di procedura e nella parte in cui la lettera di procedura si riferisce alle condizioni economiche sono due lettere separate». E concludendo «Io vi esorto davvero a non trascinare questa, che è una vicenda difficilissima ed estremamente complicata e che coinvolge tanti lavoratori, in un preludio di campagna elettorale che non giova a nessuno»

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*