Basket, caso Castel Volturno: Anzaldi chiede l’intervento del Coni

Basket

 

Il deputato del Pd Michele Anzaldi è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Sport Academy” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

In merito al caso dei ragazzi tra i 13 e i 15 anni, nati a Castel Volturno da immigrati africani, che possono giocare nei campionati giovanili di Basket perché risultano stranieri e il regolamento dispone che ogni team non ne possa avere più di due. “Da sempre lo sport è il collante per ricomporre tutte le divisioni -ha affermato Anzaldi-. Questa storia cade a fagiolo in un dibattito molto acceso in Italia come quello dello ius soli. Di casi simili in Italia ce ne sono sempre stati. Se noi diciamo a certe realtà che c’è spazio, l’importante è il rispetto le regole e la convivenza pacifica, queste promesse poi vanno mantenute. Questi sono dei ragazzini in una realtà drammatica come quella di Castel Volturno, dove poche ore fa Gentiloni ha deciso di mandare un commissario. Una realtà drammatica. Lì c’è un gruppo di ragazzi che decide di non andare al muretto, dove ci sono la droga, le prostitute e il traffico di rifiuti. Questi ragazzi decidono di andare a giocare a pallacanestro, al momento di raccogliere i frutti del loro percorso sportivo, si sentono dire: non potete iscrivervi ai campionati perchè siete stranieri. Loro rispettano le regole, vogliono solo giocare, non è il caso di quelli che stanno a bighellonare ubriachi per le strade. Dei ragazzi di questa età non possono essere traditi da un timbro. Il Coni deve prendere posizione, deve trovare una deroga, anche perchè Castel Volturno è un’area speciale, non è come le altre città”.

 

Fonte Radio Cusano Campus

(Visited 11 times, 1 visits today)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*