Tradizione e folclore alla sagra dell’uva di Marino

sagra dell'uva marino tradizione

Tutto è pronto a Marino per accogliere gli ospiti, che si preannunciano numerosi anche quest’anno,  per domenica 1° ottobre, in occasione della 93^  Sagra dell’Uva, nella cittadina castellana, a soli 20 chilometri da Roma, per assaporare le caratteristiche atmosfere medioevali del suo centro storico e gustare il suo prodotto principe: il vino.

Come è noto la Sagra si svolge nella prima domenica di ottobre ed è la festa più importante di Marino, la più antica, nel suo genere, in Italia, conosciuta in tutto il mondo per la celebre canzone “Nannì” di Ettore Petrolini.  Ideata nel 1925 dal poeta romanesco Leone Ciprelli, al secolo Ercole Pellini,  nella Sagra si fondono due momenti ugualmente importanti: quello sacro e quello profano attorno ai quali ruotano tutte le iniziative poste in essere per i festeggiamenti.

Questi gli appuntamenti istituzionali della mattina di domenica 1 ottobrela S. Messa alle ore 9,30 nella Basilica di S. Barnaba e, successivamente la solenne Processione storica con la statua della Madonna del SS. Rosario e la partecipazione delle Confraternite. Iniziative alle quali hanno assicurato la loro presenza oltre al Sindaco e agli Assessori comunali,  importanti autorità istituzionali quali il Vice Sindaco della Città Metropolitana Fabio Fucci, il Vice Presidente del IV Municipio di Roma  Rolando Proietti Tozzi, i Sindaci dei Comuni di Grottaferrata Luciano Andreotti e di Monte Porzio Catone Emanuele Pucci, i Vice Sindaci dei Comuni di Albano Maurizio Sementilli e di Nettuno Daniele Mancini. Saranno presenti altresì le autorità militari territoriali e le Forze dell’Ordine locali.

Da citare anche l’Annullo Speciale per la 93^ edizione a cura di Poste Italiane presso la sede della Pro Loco alle ore 9,00, il Villaggio dei Bambini in piazzale degli Eroi l’Infopoit e le visite guidate a cura dell’Archeoclub Colli Albani nel sottopasso di palazzo Matteotti e l’Estemporanea di pittura “Gli artisti del ‘500” dei ragazzi dell’I.I.S. AMARI-MERCURI  in piazza San Barnaba alle ore 17,00

Nel pomeriggio alle ore 15,30 si snoderà per le vie della città il tradizionale Corteo Storico in costume, curato dalle Associazioni Arte e Costumi Marinesi, Lo Storico Cantiere insieme al Gruppo Sbandieratori de Lo Scudo di Lepanto che rievocherà il ritorno vittorioso di Marcantonio Colonna, quest’anno impersonato da Valerio Febbo, dalla Battaglia di Lepanto. La consorte Felice Orsini sarà impersonata da Alice Caracci.

A seguire alle ore 17,30 la sfilata dei Carri allegorici, che ritornano quest’anno ad essere protagonisti di questa Festa e delle Bande (che effettueranno una passeggiata musicale per le vie della città anche nella mattinata)  quella  dell’Associazione musicale “A. Bernabei” di Formello, l’Associazione bandistica “Città di Mentana” con le sue Majorettes, il Concerto Filarmonico “E. Ugolini” con il Gruppo Majorettes Diamond e i Gruppi folcloristici  “Volemose Bene” e “Ferentum”.  

A seguire il cosiddetto “Miracolo” delle fontane che danno vino con distribuzione gratuita di uva. Dalla Fontana monumentale di piazza Matteotti (Fontana dei Mori)  e da quella allegorica allestita in Via Fratelli Rosselli rappresentante  la statua di “Cellone” ovvero Diana cacciatrice, il cui originale si trova nel Barco Colonna. Infine altro punto di distribuzione di vino è previsto a Borgo Garibaldi.

Corteo, carri, bande, miracolo e tanto altro si ripeteranno anche nella giornata di lunedì 2 ottobre, detta la “Sagra dei marinesi”, che culminerà con il concerto di ERMAL META  alle ore 21,00 in Via Beata Rosa Venerini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*