MotoGp, Aragòn 2017: la pagella del Dicos

MARC MARQUEZ 10: L’errore in qualifica non ha cancellato il feeling che ha il campione del mondo in carica con il tracciato di Aragòn. Dopo una fase iniziale, dove sembrava in difficoltà, quando decide di fare sul serio, gli avversari vengono inghiottiti uno ad uno dalla sua astronave. L’extraterrestre porta sul suo pianeta la quinta vittoria ed allunga in classifica. Perfetto!

 

DANI PEDROSA 9,5: La prima fase di gara non è delle migliori, ma quando mancano poco più di 10 giri dal traguardo, il fantino di Sabadell è autore di una bella rimonta. Conclude a meno di un secondo dal vincitore e porta ad 8 i podi stagionali. Bravo!

 

JORGE LORENZO 9: Secondo podio dell’anno per il maiorchino, ma questo ha un sapore ancora più dolce. Non solo ha iniziato a guidare la sua Ducati ma il distacco da Marquez è stato solo di 2 secondi. Seppur lentamente, inizia ad essere competitivo. Fuerza!

 

MAVERICK VINALES 6,5: L’uragano di inizio stagione è passato dalla pole position al podio sfiorato. La sua è una gara poco saporita e per poco non le prende dal compagno di squadra reduce da un grave infortunio. Rimandato!

 

VALENTINO ROSSI 3: Non entro nel merito delle polemiche post infortunio, perché davvero non riesco a credere come si possa mentire su una cosa simile. Certo una frattura così come descritta, richiede, ad una persona normale, qualche giorno in più per ritornare in sella. Non dimentichiamo, però, che Rossi può contare su medici di primissimo livello sia in fase operatoria sia in quella di recupero. La ricchezza permette di non essere come quei dodici milioni di connazionali che non possono permettersi le cure mediche (sia chiaro la colpa non è di Rossi è lui non centra nulla. Lo scrivo solo perché, magari, ad aiutarlo può essere stato uno staff medico d’eccellenza). Per come è finita, per la determinazione ad essere subito della partita, meriterebbe 10. Non si può, però, far finta di nulla. La manovra contro Pedrosa sul rettilineo, mentre ne subiva il sorpasso, è gravemente antisportiva. Certe cose non sono ammesse dalle giovani leve, figuriamoci da un uomo e da un campione come lui. Ancora più brutta, poi, la risposta data nel dopo gara: “Se Pedrosa non è felice di quello che è successo, che corra da solo (sono lontani i tempi di quando dichiarava che Zarco non capiva la distanza tra le moto)”….. Dispiace dirlo, ma, a mio avviso, anche questa volta ha dimostrato di non avere molta considerazione dei suoi colleghi che, come lui, rischiano la vita. Imparerà prima di appendere il casco al chiodo? Peccato!

 

ANDREA DESMODOVI 4: E’ la delusione della giornata, quella che fa male a noi appassionati italiani. Un conto è non trovarsi con la pista, un altro è trovarsi settimi, lontano da chi, con la stessa moto, è salito sul podio. Speriamo sia solo uno scivolone isolato. Forza!

 

HONDA: Oggi è la migliore.

 

DUCATI: Competitiva ma con il pilota non in lotta per il mondiale.

 

YAMAHA: In difficoltà.

 

APRILIA: Gagliarda.

 

KTM: In crescita.

 

SUZUKI: Smarrita.

 

COMPLOTTISTI: Se si semina l’odio del biscotto (invenzione di menti malate), è logico che si raccolga quello altrettanto odioso del falso invalido. Chi di complotti ferisce, di complotti perisce. Detto ciò, è auspicabile maggiore educazione tra chi ha la stessa passione. Ridicolo e volgare ho trovato chi, addetto ai lavori, ha postato su un social la radiografia di un pennuto con una zampa rotta….ma cosa avete nel cranio?

 

BUGIARDI: C’è una categoria peggiore di quella di certi complottisti, ed è quella dei bugiardi. Chi scrive che Rossi quest’anno non vincerà il titolo a causa della frattura riportata in allenamento, mente con la consapevolezza di mentire. Rossi, a ben vedere, quest’anno non è mai stato della partita, mai. La cosa può dispiacere, ma è la verità.

 

URLA PRO JORGE: Ad un certo punto mi è sembrato sentire Meda e Sanchini tifare per Lorenzo….redenti!

 

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9688 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*