GT Italiano: a Vallelunga Antonio D’Amico cala il poker

Al “Piero Taruffi” di Vallelunga, teatro del sesto appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo, Antonio D’Amico cala il poker firmando il quarto successo stagione al volante della Lamborghini Huracan Super GT Cup numero 116 del team di Vincenzo Sospiri, conquistando il grandino più alto del podio di gara-1 in programma nella giornata di sabato.

Nella gara casalinga il driver di Fiano Romano, in coppia con Cazzaniga, sfiora la pole position marchiando il secondo posto nel proprio turno di qualifica (valido per gara-2) andando a vincere la prima corsa dopo aver ereditato la potente vettura di Sant’Agata Bolognese dal compagno di box, protagonista di un buon primo stint.

Grazie al quarto posto conquistato alla fine dei 48’ più un giro nella manche domenicale (caratterizzata anche da due interventi della safety-car) D’amico compie un importante balzo in classifica riducendo il gap dai leader, in vista dell’appuntamento conclusivo sulla pista del Mugello tra quindici giorni.

“E’ stato un fine settimana decisamente positivo poiché abbiamo messo insieme molti punti. La vittoria di sabato, la quarta stagionale, era il nostro obiettivo e il quarto posto è un risultato positivo anche in vista degli handicap per il Mugello, dove tra due settimane ci giocheremo il titolo” commenta Antonio D’Amico

“Antonio è stato veramente molto bravo fin dalle qualifiche dove ha conquistato il secondo posto. In gara non ha commesso nessun errore e la vittoria in gara-1 è importante per poterci giocare il titolo nell’appuntamento conclusivo al Mugello”analizza il manager Giovanni Minardi

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10090 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*