Fashion revolution: l’importanza della sostenibilità nell’ industria della moda

Fashion revolution



Oggi sono tanti i comparti della nostra economia che devono fare i conti con l’ambiente. La sostenibilità, infatti, rappresenta una qualità sia a livello di branding, sia a livello di rispetto del pianeta. Questo significa che molte industrie stanno cominciando a regolarsi in quanto a processi inquinanti e dannosi: ne va della salvaguardia del mondo che ci ospita, e che ha un ruolo determinante per la nostra sopravvivenza. Anche l’industria della moda sta andando incontro a questi cambiamenti: sempre più spesso, emerge l’importanza della sostenibilità anche in questo settore. Al punto che ultimamente si è parlato di una vera e propria fashion revolution.

Fast fashion industry: quello che si cela dietro i lustrini

L’industria della moda veloce è una tendenza nata di recente, ma che dietro ai lustrini nasconde più di uno scheletro. Il motivo è dovuto al fatto che si tratta della seconda industria più inquinante in assoluto: seconda solo all’industria petrolifera. Basti pensare che per produrre un chilogrammo di abiti in fibra di cotone, queste industrie sprecano un mare di risorse: più di 10.000 litri d’acqua, producendo tantissima anidride carbonica. Essendo poco durevoli, i suddetti abiti vengono buttati dopo pochi mesi. Come se non bastasse, la fast fashion industry si basa su una logica di sfruttamento: una vera e propria catena di montaggio che spesso sfrutta i lavoratori con salari da fame, soprattutto donne. La necessità è quella di fermare subito questa tendenza: secondo uno studio di McKinsey, proseguire così significherebbe alzare dell’80% le emissioni nocive. Ovvero una situazione che il nostro Pianeta non può permettersi.

Vestire rispettando l’ambiente: deve partire dal quotidiano

Acquistare abiti di qualità, prodotti da marchi etici e rispettosi della natura: un modo per contribuire, per farli durare a lungo, e per alleggerire il peso dell’industria della moda sull’ambiente. È questa la missione quotidiana che dovrebbe appartenere a tutti noi. Solo in questo modo si può dare manforte a quelle aziende che hanno scelto la via del green. Altrettanto importanti sono gli abiti di seconda mano, in questa logica eco-fashion: su portali di annunci come kijiji.it, vendere e acquistare vestiti di seconda mano è facilissimo ed immediato. Basta cercare l’annuncio che fa per noi, oppure crearne uno per dare una seconda vita ai nostri abiti usati ed evitare che questi vengano buttati.

Fashion revolution: cambia l’industria della moda

Fashion revolution non è solamente una tendenza, ma anche il nome di un’associazione no profit. Un’associazione che ha una missione chiave: promuovere una filiera industriale nel campo della moda che sia rispettosa dell’ambiente. In ogni sua tappa, dalla produzione alla distribuzione. Inoltre, questa associazione ha avuto anche un ruolo chiave nella rivalutazione degli abiti usati. Grazie al lancio dell’hashtag #whomademyclothes, i consumatori hanno potuto chiedere ai produttori la genesi del proprio abito. Cosa che gli ha permesso di scoprirne la storia, ottenendo una trasparenza fino a ieri impossibile. Il futuro, dunque, promette una duplice attenzione: sia da parte delle aziende dell’industria del fashion, sia da parte dei consumatori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.