The Teacher (la mala educacion a Bratislava)

Il film the Theacher del pluripremiato regista Jan Hrebejk- candidato all’Oscar per il miglior film straniero nel 2000 con “Divided We Fall”- è ambientato nella Bratislava del 1983.La protagonista Maria Drazdechova (una superlativa prova d’attrice per Zuzunana Maurery) è un personaggio ispirato a una figura realmente vissuta: la maestra dello sceneggiatore Peter Jarchovsky.
L’inquietante insegnante di scuola terrorizza un’intera scolaresca con i suoi metodi da regime (regime in senso vero e proprio perché ricopre all’interno del partito comunista cecoslovacco un ruolo dirigenziale).
Una privilegiata che veste bene e non si fa mancare nulla, in un paese non certo agiato e nella morsa dei limiti imposti da Mosca. Il bel film ha quel sapore di humor grottesco tipico del cinema ceco che nel periodo post comunista si è distinto nella produzione di piccoli capolavori come le opere del geniale regista di Faust (1997) e i Cospiratori del piacere (1996) Jan Svankmajer. Al momento dell’appello il primo giorno di scuola l’insegnante chiede ai suoi allievi quale professione svolgono i loro genitori: da quel momento Maria “la tiranna” pretenderà da ciascuna famiglia una prestazione, una donazione, un favore. In caso di rifiuto l’allievo subirà l’abbassamento dei voti in pagella.
Per accontentare i criminogeni capricci della cattiva maestra, le faranno la spesa, la inviteranno dal parrucchiere, le faranno le pulizie in casa, le metteranno a disposizione il proprio studio legale (la lista è davvero lunga…).Vista la gravità dei fatti denunciati, la ancor più grottesca preside dell’istituto convoca tutti i genitori della classe di Maria la “tiranna” per raccogliere prove contro la maestra. Tuttavia non c’è unione d’intenti fra le fazioni genitoriali.
C’è chi afferma: ” Che male c’è ad aiutare una donna sola che svolge con dedizione il proprio lavoro?”.

Altri invece come il padre della piccola Duncan- impiegato all’aeroporto costretto a inviare illecitamente una torta a Mosca per la sorella dell’insegnante- è deciso a denunciare Maria “la tiranna” e vuole farla cacciare dalla scuola: Duncan è un’allieva preparata ed è quella che subisce i soprusi più incalzanti.Mentre le assemblee si susseguono senza una soluzione concreta, la Drazdechova non tollera scuse: le prestazioni extrascolastiche dei genitori devono essere sempre puntuali! Sarà licenziata la malvagia e corrotta Maria?

Un film satirico ma che sa ben descrivere cosa succede all’essere umano quando è pervaso dall’avidità : la cattiva maestra ricalca la figura del tiranno che opprime e manipola le coscienze di un popolo, un popolo che è complice del suo sovrano.
Il regista Jan Herebejk ha affermato: ” Come il film “Divided We Fall” non parlava solo del nazismo e dell’Olocausto, così The Teacher non è un film sul comunismo, né un film su bullismo. Ciò che a noi interessa sono la paura, l’opportunismo, la dignità umana”.
La sceneggiatura davvero ben scritta rende il film fluido, gli attori poco conosciuti sul grande schermo sono veramente molto bravi.Un bellissimo film, da non perdere.

Appendice.

Il  regista di The Teacher  ha dichiarato che il film non vuole essere un film sul comunismo e sul bullismo e che  è il risultato della narrazione sia di eventi reali sia di episodi inventati: con questo pensiero ci fa intendere che, allo stesso modo, non è un film sul mondo scuola. È evidente, però, che una figura come Maria “la tiranna” faccia venire i brividi: Maria Drazdechova è agli antipodi della vera educatrice.
Su questo punto c’è da dire che la scelta stilistica del grottesco che, per sua natura, trascendere il realismo dei fatti, disimpegna l’autore da qualsiasi presa di posizione sul valore dell’educazione per l’essere umano : il regista Jan Hrebejk ha dichiarato che la manipolazione dell’informazione, nel suo paese, all’epoca del regime comunista, era una realtà da affrontare tutti i giorni (in molti paesi, anche europei, questa condizione permane tuttora, sebbene in forma diversa, sebbene non via siano regimi dittatoriali al governo, ma democrazie) e che la natura umana non cambia. Non  siamo d’accordo: la natura umana può cambiare in ogni istante, se realmente lo vuole. Ciascuno sceglie chi deve essere il proprio maestro e da chi essere governato.

 

Titoli di Coda
Cast artistico
Zuzana Mauréry      Maria Drazděchová
Csongor Kassai        Marek Kučera
Peter Bebjak             Václav Littmann
Martin Havelka        Jaroslav Binder
Ondřej Malý              il pensionato
Řehák Éva Bandor Hana Binderová
Zuzana Konečná       Iveta Kučerová
Richard Labuda         Karol Littmann
Oliver Oswald             Filip Binder
Ina Gogálová               la preside
Monika Čertezni         la vicepreside
Alexandra Strelková  Králová
Judita Hansman         la parrucchiera
Bártová Ela Lehotská il fruttivendolo
Vojáčková Jozef Domonkoš      il dottore
Němec Ladislav Hrušovský        il giudice Malinovský
Cast tecnico
Regia Jan Hřebejk
Sceneggiatura Petr Jarchovský
Fotografia Martin Žiaran
Montaggio Vladimír Barák
Sound Design Jiří Klenka
Colonna sonora Michal Novinski
Scenografia Juraj Fábry
Costumi Katarína Štrbová Bieliková
Make-up Anita Hroššová Produzione Erik Panák
Produttori: Rozhlas a televízia Slovenska (Tibor Búza), PubRes (Zuzana Mistríková, Ľubica Orechovská), Offside Men (Ondřej Zima, Jan Prušinovský), Česká televize (TPS Kateřiny Ondřejkové)

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 267 Articoli

Laureata in Lettere presso il Dipartimento di “Italianistica e Spettacolo “della Università “La Sapienza di Roma”.
Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell’ Essere Umano.
Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*