Veleno

Il film Veleno- accolto favorevolmente alla recente  Settimana Internazionale della Critica alla 74. Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia-  tratta la questione della “terra dei fuochi” (termine usato da Roberto Saviano nel libro “Gomorra n.d.r.).

Ispirato a una storia vera il film narra le vicende del giovane avvocato Rino e della sua folgorante “carriera” grazie ai suoi legami con la famiglia della moglie Lucia (Marianna Robustelli) figlia di un boss della camorra, nel casertano.Subentrati ai vertici del clan camorrista dopo la morte del boss, Donato (Nando Paone) e la madre di Lucia, entrano in affari con il rampante avvocato: i tre gestiscono il traffico illegale dei rifiuti tossici
e sono i mandanti di tutte le azioni estorsive della zona.La “manovalanza” del clan, una notte, incendia la stalla- causando l’atroce morte degli animali arsi vivi- per costringere Cosimo(Massimiliano Gallo) e sua moglie Rosaria (Luisa Ranieri)a vendere la loro terra.Rino si candida sindaco del paese e promette- in una sequenza che ha del tragicomico- grandi riforme in cambio di voti: una criminale prospettiva visto che tra un’intimidazione e l’altra si continuano a sversare liquidi tossici nei torrenti divenuti cloache a cielo aperto.Gli stessi agricoltori, anche dopo aver subito le feroci intimidazioni, lavorano per chi, sfruttando anche la manodopera immigrata, interra fusti radioattivi.
Cosimo resiste alle intimidazioni dei camorristi ma si ammala gravemente.
Suo fratello Ezio ( Gennaro Di Colandrea )vuole invece vendere la sua parte di terra.”Tanto la terra è malata, meglio vendere adesso che fra poco non varrà più nulla”.Sogna di comprare una casa in paese e di aprire un negozio.”Magari di moda”dice sua moglie. La terra è marcia, le acque sono contaminate, gli animali muoiono e ci si affida al credo religioso: i due sposi ribelli vanno in chiesa e pregano. Ben presto, però, la religione della “speranza” cederà il passo alla superstizione, con la comparsa di un corno- d’oro massiccio- contro la malasorte.

Epilogo con “delitto e castigo”.

Se per alcuni personaggi, vi saranno azioni riabilitative ed “espiazioni”, il leit motive del film si basa sulla
la visione – falsa e desueta- di una vita votata ad un “destino” avverso.Pur abbracciando il tema dell’impegno civico, l’opera resta dentro la cupa visione di una realtà criminale uguale a se stessa.Da troppo tempo il racconto della nostra nazione si svolge dimenticando la propria storia : eppure nei momenti cruciali semplici cittadini hanno dimostrato di voler cambiare la propria esistenza, trasformando tutto il veleno-anche se penetrato profondamente- per vivere qualcosa di nuovo.Un film comunque convincente : le grida di sdegno e il pianto di Rosaria arrivano allo stomaco dello spettatore. Bella la sua camminata veloce in piano sequenza: Rosaria non vuole essere sconfitta e lotterà per il suo uomo, per sua figlia che deve nascere ,per la sua amata terraVeleno rinuncia al “pedigree” del cult mafia movie- genere per altro molto apprezzabile- per raccontare e basta, come deve fare un buon film di denuncia.

Titoli di Coda

Regia DIEGO OLIVARES

Soggetto GAETANO DI VAIO, DIEGO OLIVARES

Sceneggiatura DIEGO OLIVARES

In collaborazione con MARCELLO OLIVIERI

Consulenza alla sceneggiatura GAETANO DI VAIO

Casting MASSIMILIANO PACIFICO, ADELE GALLO

Aiuto Regia ILARIA DE MARTINIS

Organizzatore Generale FABIO LOMBARDELLI

Fonico di presa diretta DANIELE MARANIELLO

Scenografia ANTONIO FARINA

Costumi ROSSELLA APREA

Direttore della Fotografia ANDREA LOCATELLI

Musiche ENZO GRAGNANIELLO MARCO MESSINA & SASHA RICCI (99 posse)

Montaggio DAVIDE FRANCO

CAST ARTISTICO

Rosaria LUISA RANIERI

Cosimo Cardano MASSIMILIANO GALLO

Rino Caradonna SALVATORE ESPOSITO

Adele MIRIAM CANDURRO

Ezio Cardano GENNARO DI COLANDREA

Lucia MARIANNA ROBUSTELLI

e con la partecipazione straordinaria di NANDO PAONE nel ruolo di Donato Vasile

Una produzione ¬
BRONX FILM MINERVA PICTURES GROUP e TUNNEL PRODUZIONI
in collaborazione con RAI CINEMA
in collaborazione con SKY CINEMA
FILM COMMISSION REGIONE CAMPANIA
GESCO GRUPPO DI IMPRESE SOCIALI

Produttori associati
T&D DI EDURDO ANGELONI e OLIVER VALENTINO

Produttore esecutivo ANTONIO ALESSI – BRONX FILM

Prodotto da GAETANO DI VAIO, GIANLUCA CURTI

Coprodotto da FERDINANDO MORMONE

Realizzato con il sostegno del
MiBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 267 Articoli

Laureata in Lettere presso il Dipartimento di “Italianistica e Spettacolo “della Università “La Sapienza di Roma”.
Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell’ Essere Umano.
Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*