Rischio alluvione, D’Angelis, Autorità Tevere: “Rischiano i quartieri costruiti senza pensare alle misure di sicurezza”

rischio alluvione allagamenti ostia

Erasmo D’Angelis, segretario generale dellAutorità di bacino distrettuale dell’Appennino Centrale, è intervenuto sul rischio alluvione  ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Rischio alluvione a Roma per assenza manutenzione Tevere e Aniene. “Abbiamo verificato uno stato di degrado e di assenza totale di manutenzioni sia ordinarie che straordinarie in circa 700km di canali del Tevere e dell’Aniene, è un’estensione impressionante.
Questo comporta il rischio del mancato deflusso delle acque di pioggia.

Una decina di giorni fa è bastato un acquazzone per allagare una parte di Roma. Qui deve partire un’operazione straordinaria, immediata ed urgente, di pulizia di questi canali e delle sponde del Tevere. Basta andare all’isola tiberina per trovarsi di fronte una foresta, nata una trentina di anni fa.
Abbiamo una parte dell’area del Tevere che è esondabile e un tempo quando esondava incontrava le campagne, adesso incontra interi quartieri che sono stati costruiti senza pensare alle misure di sicurezza.

La stessa toponomastica romana evoca il rischio: Bagno, Bagnoletto, Settebagni, Infernetto… Sono aree ex alluvionali, dove si è costruito senza pensare al rischio idraulico, una vera follia”

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*