Mann: Lisistrata, colei che scioglie gli eserciti

Domenica 24 settembre, alle ore 18, al MANN, Museo Archeologico Nazionale di Napoli, va in scena Lisistrata – Colei che scioglie gli eserciti da Aristofane, con la regia di Nicola Laieta.

«Per me e per i ragazzi è la realizzazione di un sogno – spiega il regista Nicola Laieta – Sin dalla sua prima rappresentazione, abbiamo sognato di recitare Lisistrata in un luogo che richiamasse le radici comuni dei giovani e dei luoghi  culturali della città. Produrre bellezza insieme ai nostri giovani allievi è per noi la maniera migliore di creare in loro consapevolezza del proprio valore. Rappresentare le loro capacità in uno dei siti più significativi e conosciuti di Napoli, rientra in un processo di cittadinanza e di riappropriazione della città nella sua interezza e del contesto storico-culturale di cui fanno parte anche loro».

Lisistrata di Aristofane è interpretata dai giovani allievi del Laboratorio Territoriale delle Arti dei Maestri di Strada attivo nella periferia di Napoli Est, insieme agli educ-attori dell’Associazone Trerrote, con le coreografie di Ambra Marcozzi, i costumi di Annalisa Ciaramella e le scene di Peppe Cerillo. Per questa speciale replica, lo spettacolo si arricchirà della musica dal vivo di Francesco Di Cristoforo.

Duemilacinquecento anni fa i greci, dopo aver affrontato insieme il nemico esterno, cominciano a scannarsi tra di loro nella guerra del Peloponneso. La tragedia è grande ma Aristofane ne fa una commedia, inventandosi lo sciopero dell’amore di Lisistrata e delle donne per la pace sullo sfondo tragico della lotta fratricida. Quando a questa commedia hanno assistito le famiglie dei nostri giovani allievi, anch’esse schierate in opposte fazioni di una guerra che insanguina le nostre periferie in modo cronico, riunite di nuovo insieme, hanno riso e si sono commosse come i greci di due millenni orsono: le emozioni non cambiano nel tempo. Lo sciopero del sesso che Lisistrata conduce insieme alle giovani ateniesi affinché termini la guerra fratricida che insanguina la Grecia, è stato rappresentato più volte e ha ispirato riproposizioni importanti e divertenti da Monicelli a Spike Lee fino a Radu Mihăileanu che riscrisse qualche anno fa una versione di Lisistrata ambientata nel mondo medio-orientale ispirandosi ad un fatto realmente accaduto: in un villaggio della Turchia, le donne improvvisarono uno sciopero del sesso per ottenere maggiore rispetto e ascolto dai loro uomini nonché il loro aiuto nel lavoro quotidiano del villaggio. Una storia vera che racconta il cambiamento di un piccola comunità musulmana , per affermare la necessaria partecipazione attiva delle donne alla vita sociale come nell’Atene sognata di Aristofane.

Il presidente di Maestri di Strada, Cesare Moreno racconta così Lisistrata: «Syria (la giovane attrice che interpreta Lisistrata n.d.r.) quando si muove sul palco, non muove il suo corpo ma dirige un’orchestra: gli attori sulla scena e il pubblico sono nelle sue mani. Anche dopo tante prove, la sera della prima sono stato rapito dallo spettacolo in un modo che mi auguro possa coinvolgere i fortunati spettatori che parteciperanno alle repliche del Bellini».

 

Lisistrata – colei che scioglie gli eserciti

da Aristofane

adattamento e regia Nicola Laieta

coreografia Ambra Marcozzi

scene Peppe Cerillo

costumi Annalisa Ciaramenella

musica dal vivo Francesco Di Cristoforo

con Domenico Bisogni, Gabriele Buo, Rosa Capuano, Nadia Carfagna, Filomena Carillo, Roberta Chianese, Alessio Dava, Giuseppe Di Somma, Salvatore Esposito, Veronica Formisano, Gabriele Gigante, Francesco Giglio, Syria Giulietti, Maria Improta, Francesca Liberti, Luca Navarra, Carmine Marino, Antonio D’Amato, Giuseppe Esposito, Giulia Menna, Lucia Pia Noviello, Gennaro Pantaleo, Chiarastella Riccio, Martina Scognamiglio, Antonio Taurisano

produzione Maestri di Strada Onlus in collaborazione con Trerrote con il sostegno del Centro Giovanile Asterix di San Giovanni a Teducccio

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10116 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*