Torna anche a ROMA e nel LAZIO, il 23 e 24 settembre, l’iniziativa solidale “Un pasto al giorno”

Come ogni anno a fine settembre, arriva anche in a ROMA e nel LAZIO l’evento solidale Un pasto al giorno: il 23 e 24 settembre oltre 3 mila volontari della Comunità Papa Giovanni XXIII (Apg23) fondata da don Oreste Benzi nel 1968, saranno in 1.000 piazze italiane con l’evento solidale per garantire un pasto a chi soffre la fame. Quest’anno, in cambio di un’offerta libera, i volontari distribuiranno “#iosprecozero” un libro di 60 pagine ricco di idee, spunti, consigli e best practice per combattere gli sprechi di tutti i tipi: alimentari, di oggetti, di energia, di tempo, di vita. “Ogni volta che sprechiamo – si legge nell’introduzione – mandiamo in malora un bel po’ del futuro di tutti”. Stampato rigorosamente su carta 100% riciclata, il libro non aspira ad essere un manuale né un vademecum, ma un compagno utile a chi, giorno dopo giorno, vuole restituire il giusto valore alle cose della vita.

Grazie alle donazioni raccolte nel corso dell’evento, la Comunità potrà continuare a garantire “almeno un pasto al giorno”, come recita la mission dell’iniziativa, alle migliaia di persone che ogni giorno siedono alla sua tavola. La Comunità, con 7 milioni e mezzo di pasti distribuiti ogni anno in Italia e all’estero e quasi 50 anni di vita, affronta ogni giorno una sfida gravosa per combattere la malnutrizione e la morte per fame. Con 5 Capanne di Betlemme – case di pronta accoglienza serale e notturna per senza dimora – a Bologna, Rimini, Milano, Forlì e Chieti; 2 mense di Strada a Torino e a Roma che tutte le settimane dell’anno aiutano in totale più di 200 persone; oltre 350 realtà di accoglienza sparse per tutto lo Stivale e 30 mense per i poveri e centri nutrizionali in Africa, Asia e Sudamerica, la Comunità Papa Giovanni XXIII, dà accoglienza, sostegno e soprattutto una famiglia a oltre 4.600 persone ogni anno: bambini soli o che non possono restare con i loro genitori, anche con gravissime disabilità, anziani, ragazze vittime di sfruttamento sessuale, persone senza dimora.

Solidarietà, responsabilità e dignità sono le parole chiave dell’iniziativa che mira a mettere in luce le situazioni di malnutrizione e ingiustizia che, anche nel terzo millennio, affliggono tanti individui. “È anche attraverso il cibo che si realizza la dignità dell’uomo”, afferma Giovanni Ramonda, presidente della Apg23, che ricorda: “Occorre garantire anche il diritto all’istruzione, a un lavoro, ad avere una famiglia e degli affetti stabili. Il sostegno che invochiamo è molto concreto: chiediamo aiuto per far sì che i bambini che arrivano ogni giorno nei nostri centri nutrizionali, i senza dimora che incontriamo ogni sera in tutta Italia, le persone in difficoltà che siedono alla nostra tavola possano avere un pasto caldo e un po’ di affetto ogni giorno”.

I volontari della Apg23 saranno a ROMA (in Piazza di Santa Maria in Trastevere) e in altre piazze solidali del LAZIO – tra FROSINONE, RIETI e LATINA –  il 23 e 24 settembre. Per maggiori informazioni sull’iniziativa e sulle postazioni presenti nelle piazze è possibile consultare il sito www.unpastoalgiorno.org

Chi volesse partecipare all’iniziativa collaterale per la divulgazione sul web potrà scattare una fotografia e postarla su Facebook o Instagram utilizzando #unpastoalgiorno2017 e #iosprecozero, gli hashtag ufficiali dell’evento: un ulteriore strumento per fare passaparola in rete e sostenere i progetti portati avanti dalla Comunità.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 10116 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*