Bertinotti: “Non abbiamo insegnato ai giovani l’antifascismo”

apologia del fascismo bertinotti-ok

APOLOGIA DEL FASCISMO – Fausto Bertinotti è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

Sulla sinistra di oggi: “Bersani ha detto che Pisapia sarà leader? Io sono il meno adatto a dire se si stia o meno muovendo qualcosa, perché penso che sul terreno della democrazia rappresentativa, sul terreno parlamentare, la sinistra politica non ha in questo momento niente da dire. Basta parlare dell’immigrazione, dello ius soli, della disoccupazione giovanile, per vedere l’irrilevanza della sinistra politica. C’è una sinistra sociale di grandissimo interesse in tutte le sue articolazioni, ma la sinistra politica non ha nulla da dire”.

Sul Movimento Cinque Stelle: “Si parla del candidato premier, anche questo è il segno di una derealizzazione della politica. Il candidato premier ha senso in generale quando in un sistema maggioritario fondato sulle coalizioni ogni coalizione indica il proprio candidato che di fatto può essere scelto dagli elettori. Se come stiamo oggi si va verso il voto con un sistema proporzionale il candidato premier è una finzione, una futura finzione. Perché dopo le elezioni si creerà una coalizione che indichierà un premier. Parlare del candidato premier è un imbroglio”.

Sulla legge Fiano: “Un tempo il 25 aprile si andava nelle montagne dove morivano i partigiani. Abbiamo vissuto gli anni del duro scontro, anche fisico, tra fascisti e comunisti. Per me l’antifascismo è una seconda pelle. Ho considerato quello dei costituenti, nel rifiuto dell’apologia del fascismo, un elemento di igiene politica nel Paese. Però starei molto attento, sulla base di questa collocazione antifascista radicale, a usare la legge per sconfiggere un avversario inquietante, che invece va combattuto sul terreno delle idee. Che cosa abbiamo fatto per far vivere nei giovani la cultura dell’antifascismo? Qui c’è la nostra pecca. In questa incapacità persino di far vivere la memoria della storia. Abbiamo disperso un’eredità, tradito i nostri padri. Non è stata rielaborata la tradizione antifascista dei nostri padri. La legge non è lo strumento adeguato”.

AUDIO http://www.tag24.it/podcast/fausto-bertinotti-sinistra-e-migranti/

Fonte: Radio Cusano Campus

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*