Anguillara, Diritti cittadinanza del Lago: “Stiamo tornando al Medioevo, esistono ancora i diritti del cittadino?”

I diritti di un cittadino esistono ancora ad Anguillara? In una comunità la prima cosa che conta è l’esempio di chi dovrebbe guidarla, la seconda è metterlo in pratica. Non vogliamo cadere nella trappola del populismo, citando gli aggettivi come indignati, delusi, arrabbiati, non ci sono però altri termini per descrivere il nostro stato d’animo nei riguardi di chi sta nei piani alti del palazzo baronale di Anguillara Sabazia.

È il commento dell’associazione “DIRITTI CITTADINANZA DEL LAGO” sulle azioni ordinarie che una normale amministrazione dovrebbe attuare. La completa mancanza di rispetto dimostrata in questi mesi dall’amministrazione anguillarina, sfociata non solo alla disattesa messa in opera del programma elettorale nei confronti di chi le ha dato fiducia, per appunto gli elettori, ma anche nelle risposte non ricevute, dopo che l’associazione “DIRITTI CITTADINANZA DEL LAGO” ha più volte protocollato quesiti importanti, finalizzati a salvaguardare l’interesse dell’intera collettività. È da quasi un anno – commentano i responsabili dell’associazione – che inviamo richieste di chiarimenti all’amministrazione, senza che questa ci degni di risposta.

Come ad esempio, l’iter portato avanti da questa associazione per il progetto “Sportello d’Ascolto”, che avrebbe dovuto iniziare nei prossimi giorni, ma a tutt’oggi non sono state ricevute né le autorizzazioni per l’uso delle strutture comunali, né gli strumenti per permettere ai volontari di operare. Non solo. Questa Amministrazione ¬¬ – ci dicono alcuni sostenitori dell’associazione – si permette anche di “eliminare” commenti poco graditi su gruppi social, gestiti dagli stessi Consiglieri Comunali, tanto da farli sembrare disperati, l’unica arma che hanno per difendersi, oltre al sarcasmo, ormai istituzionalizzato. Più che raccogliere opinioni o dare risposte esaustive alle numerose istanze pervenute in comune, i social network istituzionali sono usati unicamente come strumento autocelebrativo sia dai politici di maggioranza che da quelli che siedono nei banchi dell’opposizione.

I diritti di qualsiasi cittadino sono lesi sotto ogni aspetto. Da un lato la maggioranza che ha tradito completamente i principi di trasparenza e partecipazione tanto sbandierati dalla Sindaca in campagna elettorale, dall’altro lato l’Opposizione, o meglio la “NON OPPOSIZIONE” sembra avallare ogni decisione di chi governa. La Sindaca e la sua Giunta continuano imperterriti ad ignorare la norma sul procedimento amministrativo (L. 241 del 1990 modificata, integrata dalla Legge 15/2005 e il Freedom of Information Act). Una normativa che parla chiaro, la trasparenza amministrativa consiste nell’assicurare la massima circolazione possibile delle informazioni sia all’interno del sistema amministrativo. Non è più necessario, dunque, fornire una motivazione specifica: i documenti sono aperti a tutti nel segno della trasparenza. Sembra che, delle norme sul funzionamento amministrativo e sull’organizzazione degli enti locali, l’unica che è realmente applicata sia quella che stabilisce gli emolumenti agli organi politici, portati al massimo livello.

In particolare la prima cittadina costa ai cittadini diverse migliaia di euro al mese. In conclusione i responsabili dell’associazione si chiedono quali siano le competenze vantate dagli attuali amministratori, che si presentarono alla guida di questo Paese, promettendo un miglioramento sensibile della macchina amministrativa e dei servizi ai cittadini. Miglioramento che non solo non è avvenuto. In quest’ultimo anno Anguillara sembra essere diventata non certamente una città all’avanguardia. Qui stiamo tornando decisamente verso il Medio Evo, dove i sudditi non avevano alcun diritto e neanche la libera circolazione delle idee era permessa.

Consiglio direttivo associazione “DIRITTI CITTADINANZA DEL LAGO”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*