Crisi Alitalia, pronto il salvataggio: scende in pista Ryanair

Alitalia, cassaintegrazione: lo stato non paga la quota stipendi

Crisi Alitalia – Dalla crisi del 2008  è sempre stato in finestra ad osservare l’andamento della nostra povera, purtroppo, compagnia di Bandiera.
Michael O’Leary ha annunciato infatti l’interesse verso l’Alitalia, un interesse che però non riguarderebbe tutta la compagnia ma solo alcuni asset.
Il numero uno di Ryanair ha infatti dichiarato che sarebbe pronto a rilevare la flotta di Alitalia sia a corto raggio che a lungo raggio, inoltre avrebbe già in mente un possibile rilancio puntando sul mercato americano (un cruccio da sempre per O’Leary) mantenendo comunque il brand Alitalia e rilevando ingegneri e piloti.

Chiaramente questo piano prevederebbe una sorta di “spezzatino” della compagnia di bandiera italiana anche se i vertici di Alitalia (i commissari) non sarebbero interessati a questo tipo di soluzione preferendo una vendita totale del vettore ad un investitore o ad un’altra compagnia con un piano industriale differente.

Attualmente rimane ancora tutto appeso ad un filo, con migliaia di lavoratori, iniziando dalla pista, che non hanno davanti a loro un futuro roseo e sicuro come si era paventato quando l’ex premier Renzi aveva puntato il centro della sua campagna elettorale sul rilancio della storica compagnia italiana.
Prima di lui già qualcun altro aveva fatto campagna elettorale su Alitalia con i famosi capitani coraggiosi, tutti ricordiamo come è andata.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10706 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*