Prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Nel mese di luglio 2017 l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dell’1,0% nei confronti di luglio 2016.

I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno rimangono invariati rispetto a giugno e aumentano dello 0,9% su base tendenziale. Al netto del comparto energetico si registrano aumenti dello 0,1%, in termini congiunturali e dell’1,8% rispetto a luglio 2016.

Per il mercato estero, l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente (con un aumento dello 0,1% per l’area euro e una diminuzione dello 0,1% per quella non euro). In termini tendenziali si registra un aumento dell’1,3% (con una variazione del 2,0% per l’area euro e dello 0,8 % per quella non euro).

Il contributo maggiore all’incremento tendenziale dei prezzi alla produzione dell’industria è determinato dai beni intermedi sia per il mercato interno (+0,7 punti percentuali) sia per il mercato estero, rispetto ad entrambe le aree: +1,2 punti percentuali per l’area euro e +0,5 punti percentuali per l’area non euro.

Il settore di attività economica per il quale si rileva l’aumento tendenziale dei prezzi più ampio nel mercato interno è quello della Metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchine e impianti) con un aumento del 4,7%; per il mercato estero l’aumento tendenziale più elevato si riscontra nel settore della Fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati con un incremento del 7,0%.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9846 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*