Mummia dei kurgan siberiani: i ritrovamenti nei monti Altaj e Pazyryk

Mummia dei kurgan siberiani: i ritrovamenti nei monti Altaj e Pazyryk

Mummia dei kurgan siberiani – Vari esempi di corpi mummificati, risalenti al V secolo a.C., sono stati rinvenuti nel 1920 quando alcuni archeologi russi entrarono in alcuni kurgan di Pazyryk e di Basadar.
Ed è proprio in una fossa scavata nel terreno gelato che questa popolazione, stabilitasi sul lato sud-orientale dei Monti Altaj, a 1600 metri s.l.m., seppelliva i propri morti.

Lo straordinario stato di conservazione di alcuni di essi va sicuramente messo in relazione con il clima dei Monti dell’Altaj piuttosto che con la qualità dell’imbalsamazione. Com’è noto, sull’Altaj, sotto il terrapieno che andava a formare il kurgan si creava uno speciale microclima, con una temperatura costantemente bassa, che provocava la formazione di ghiacci eterni.

La struttura del kurgan presentava una fossa, le cui pareti di tronchi andavano a delimitare la camera mortuaria, dove veniva posto il sarcofago, ricavato da un unico tronco d’albero, all’interno del quale veniva posto il corpo imbalsamato del defunto.
Tutti i corpi inumati erano stati sottoposti a varie pratiche imbalsamatorie, anche se, ognuna era stata eseguita in modo diverso. In taluni casi il sistema di imbalsamazione era semplice, in altri risultava più complesso. È possibile che questa differenza sia però da mettere in relazione con il diverso grado di abilità dei vari imbalsamatori ma comunque operazioni sempre realizzate da individui in possesso di conoscenze particolari.

La pratica più semplice si riscontra sul corpo di una mummia dei kurgan di Basadar (distante 200 km da Pazyryk) che presentava solo un’incisione praticata all’altezza dell’inguine, da dove venivano estratti gli organi interni, poi semplicemente ricucita.

Un’operazione più complessa si rileva invece su un’altra mummia dei kurgan ritrovata sempre a Basadar. In questo caso furono perforate tutte le ossa tubolari più grandi delle estremità, ciò per permettere, probabilmente, l’introduzione di sostanze conservanti nelle cavità delle ossa stesse. Studi sul corpo hanno evidenziato che, lo stesso, venne privato inoltre dei legamenti e dei muscoli.

Una delle mummia dei kurgan, appartenente ad un uomo, probabilmente ucciso, di età compresa tra i cinquanta e i sessant’anni, proviene, invece, dal quello di Pazyryk: la sua testa era priva dello scalpo, mentre il corpo presentava un’incisione che parte dal limite inferiore destro della cassa toracica, passando a pochi centimetri dall’ombelico, e terminava sulla parte anteriore dell’osso iliaco destro. Una volta eliminate le parti interne, il taglio era stato ricucito con dei tendini ritorti. Nella parte interna delle braccia e delle gambe erano state praticate delle incisioni necessarie per eliminare i muscoli.

Uno stato di conservazione migliore si rileva in una mummia dei kurgan appartenente ad donna proveniente anch’essa da Pazyryk. Il capo era stato completamente rasato, le trecce, le cui estremità erano avvolte in merletti, vi si trovavano accanto. La testa, che presentava un’apertura quadrata nella zona dell’osso sincipite, era stata vuotata e riempita di terra. Il foro era stato poi richiuso con il frammento d’osso rimosso e la pelle intorno era stata ricucita con dei fili ricavati dai crini di cavallo. La cavità addominale mostrava un taglio che partiva dalla cassa toracica e arrivava fino alla parte inferiore del ventre. Dopo l’eliminazione degli organi interni e prima di ricucire le incisioni, le cavità erano state riempite con steli e radici di piante. Anche la parte del dorso era stata interessata da tagli, gli stessi interessavano i reni, entrambe le natiche, i fianchi e le tibie, mentre una parte dei muscoli era stata eliminata. La pelle, come il ventre, erano stati ricuciti con crini di cavallo. La donna di media statura, al momento della morte aveva, probabilmente, da poco superato i quarant’anni.

Sensazionale è stato il ritrovamento della mummia dei kurgan appartenente ad un uomo dal corpo ricoperto da un tatuaggio che ricopriva entrambe le braccia, la gamba destra, parte del petto e del dorso. Il tatuaggio ben eseguito rappresenta animali fantastici, felini, un montone e un pesce. Pressoché identico, a quello dell’uomo, è il tatuaggio presente sul corpo imbalsamato di una donna ritrovato, nel 1993, in un kurgan, di Ak-Alakh, sull’altipiano di Ukok. La giovane donna morta più o meno all’età di venticinque anni mostra entrambe le braccia ricoperte (dalle spalle alle mani) da tatuaggi resi con un colore blu che ne permetteva bene la lettura sulla pelle chiara. Visto che, nei due disegni, si riscontrano delle similitudini è ipotizzabile che gli stessi possano essere stati eseguiti dallo stesso artista.

Alcuni campioni prelevati dalla testa e dalla cassa toracica di queste mummia dei kurgan presentano frammenti di tessuto e resti vegetali erbosi. Si sono rilevate, inoltre, impurità di carbonato di calcio e di quarzo in forma di piccole particelle. Per la mummificazione, testa e corpo sono stati impregnati di un misto di resina ricavata dalla mescolanza di dammara e gommalacca, con aggiunta di olio e cera d’api. La presenza di cera sul corpo delle mummie testimonia che il sistema di imbalsamazione praticato sull’Altaj era molto simile agli esempi Sciti.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Informazioni su Samantha Lombardi 4893 Articoli

Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell’Arte del Mondo Antico e dell’Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l’Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell’Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*