MotoGp, Silverstone 2017: la pagella del Dicos

ANDREA DESMOGODIDOVI 10: Sesto al via, maestoso al traguardo. Quarta vittoria e seconda doppietta dell’anno. L’italiano è in stato di grazia ed anche questa volta mostra grande fiducia nei propri mezzi ed un’autorevolezza degna dei più forti. Lascia sfogare gli avversari e quando mancano quindici tornate, inizia la rimonta. Marquez prima, Vinales e Rossi poi, sono le vittime della sua azione. Nelle ultime curve lo spagnolo della Yamaha ufficiale prova a rovinargli la festa, ma il re di Silverstone diventa lui. Credici Andrea, credici!

 

MAVERICK VINALES 8,5: Un pizzico impacciato nelle qualifiche, il rider di Figueres con la scelta di partire con uno pneumatico soft al posteriore stupisce tutti al via. Scelta che gli porterà bene, poiché la sua è la prima Yamaha alla bandiera a scacchi. Il mondiale ritrova un protagonista ed i giochi, anche per lui, sono aperti. Bravo!

 

VALENTINO ROSSI 7: Come accade spesso negli ultimi anni, la vigilia della gara lo vede lamentarsi della moto che guida. Le qualifiche illudono tutti, anche chi intitola che partirà in pole, dietro Marquez….Spento il semaforo, Mister 9 volte inizia a guidare le danze e la gara sembra prendere la sua direzione. Qui illude l’urlatore, che si esalta come non mai. Il Vale, però, sul suo cammino incontra un cavaliere che con il suo destriero preferisce i fatti alle chiacchiere. Il sorpasso del ducatista pone fine alle sue ambizioni e abbassa i toni di chi vede italiano solo a senso unico. Subisce anche l’azione del teammate. Grazie all’arrosto del 4 cilindri dell’ala dorata, rimane ancora in lizza per il mondiale. Sveglia!

 

CAL CRUTCHLOW 6,5: Anche se la sua è la prima Honda al traguardo, c’è un pizzico di amaro in bocca per non aver centrato il podio nella gara di casa. Discreto!

 

JORGE LORENZO 6: Riesce a contenere il distacco dal vincitore in 3 secondi e si vede che aumenta il feeling con la rossa. Il fatto è che vince uno che guida la stessa moto e questo pesa come un macigno sulle valutazioni delle sue prestazioni.

 

DUCATI: ultra competitiva.

 

YAMAHA: competitività ritrovata.

 

HONDA: competitività in fumo.

 

SUZUKI: lontana.

 

KTM: competitività vicina.

 

APRILIA: competitività da ritrovare.

 

GARA: le favole dal lieto fine desmodromico sono sempre belle.

 

RIMONTE ITALIANE e RIMONTE SVIZZERE: Parte quinto e conclude terzo? Il soprannome di Nazzareno gli va stretto. Parte sesto e trionfa senza se e senza ma? Silenzio assoluto…..

(Visited 19 times, 1 visits today)

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9860 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*