Enzo Stabile sulla sentenza del Tar Abruzzo circa l’incostituzionalità del provvedimento del Corpo Forestale

Il TAR Abruzzo chiede alla Corte Costituzionale di pronunciarsi sulla conformità costituzionale delle disposizioni contenute nella cd. Legge Madia d. lgs. N. 177/2016 –Violazione artt. 2,3 commi 1 e 2, 4, 9, 32, 76, 77, comma 1, e 81 Cost- Rilevanza e non manifesta infondatezza.

La riforma appare incostituzionale per violazione degli artt. 76 e 77, comma 1, Cost., anche nella parte in cui si è scelto di assorbire il Corpo Forestale a ordinamento militare e non civile, così violando in via diretta il contenuto della delega che tra l’altro imponeva la salvaguardia delle peculiarità ordinamentali e la facoltà di scelta per il personale ai fini del transito in altre Forze di polizia ove ne derivasse un mutamento della condizione da civile a militare.

Tale Giudizio, non potendo disapplicare l’inopportuno provvedimento legislativo chiede alla Corte Costituzionale di pronunciarsi sollevando  innanzi ad essa la questione di legittimità costituzionale QLC. Il processo rimane dunque sospeso fino alla Sentenza della Corte Costituzionale. Quest’ Ultima dovrà, inoltre, valutare se la scelta del Governo, di militarizzare un Corpo di Polizia a ordinamento civile sia in contrasto con l’evoluzione giuridica del nostro ordinamento.

Appare evidente come tale “militarizzazione” si ponga in controtendenza rispetto alla legislazione preesistente, sia in senso generale con riguardo alle altre Forze del comparto sicurezza, sia in particolare, con riguardo allo stesso Corpo Forestale, il cui ordinamento civile, sul piano dell’efficienza, era stata confermata dal Legislatore recentemente, con la Legge 36/2004 (Legge Alemanno). Come è noto, secondo la Corte Costituzionale (Sentenza n. 340/2007), il legislatore delegato non può mai, non solo derogare ai principi ispiratori della delega ma neanche porsi in contrasto con la tradizione precedente.

CONSIDERAZIONI

  • E’ stato reso evidente l’infondatezza giuridica di un provvedimento scellerato aspramente criticato da un ampio fronte trasversale ma che il governo ha voluto portare avanti ostinatamente e le cui conseguenze si sono già cominciate a vedere in questa estate infuocata.
  • E’ stato fatto notare, anche dal sottoscritto a fronte dei recenti, disastrosi incendi come sia stata una autentica follia spacchettare le competenze sugli incendi boschivi sottraendole ad una regia unica, quella del Corpo Forestale, per suddividerle tra i Vigili del Fuoco competenti per lo spegnimento ed i Carabinieri competenti per le indagini e la prevenzione. L’attività dell’antincendio boschivo non è qualcosa che si compie solo al momento del fuoco ma viene svolta tutto l’anno tramite la presenza di una Polizia di prossimità con ordinamento civile, come era il CFS attraverso un monitoraggio attento sulle località sensibili, la presenza sul territorio tra la gente, gli operatori degli enti locali; presenza che sarebbe stato utile potenziare!
  • Mezzi Antincendio. A tutt’oggi incredibilmente, nonostante tutto quello che è successo e che già si intravedeva all’inizio di questa siccitosa estate, non è stato emesso il DPCM che dovrebbe sbloccare questa parte vitale dell’attività antincendio le cui carenze ricadono tragicamente e annegano nella palude burocratica. Senza il DPCM è tutto bloccato, i contratti per la manutenzione degli elicotteri passati ai Vigili del Fuoco, di tutta la flotta sono stati utilizzati solo gli Erikson  mentre per la mancanza di protocolli di volo gli elicotteristi del Corpo Forestale non hanno potuto guidare gli elicotteri dei Vigili del Fuoco. Tra i miei ricordi più belli vi è proprio quello degli elicotteristi del Corpo che conoscevo personalmente e con i quali colloquiavo con la radio TBT, erano bravissimi!!. La mancanza delle targhe dei Vigili del Fuoco per le autobotti e per gli altri mezzi. Per le auto i Carabinieri sono stati rapidissimi, in pochi giorni erano tutte operative !
  • Il DL 177/2016 prevedeva che il Ministero delle Politiche Agricole si dovesse occupare del coordinamento delle politiche forestali con l’Unione Europea e con le Regioni, creando un qualcosa all’altezza della funzione come una Direzione o quanto meno un’Agenzia di Sviluppo Forestale nell’ambito del Ministero stesso; e invece NULLA!

RICHIESTE

In attesa di quanto sarà deciso dalla Corte Costituzionale è necessario ed urgente per la tutela dell’ Ambiente e delle foreste procedere ad alcuni importanti passaggi:

  • Emissione del DPCM atto a sbloccare la manutenzione degli elicotteri e degli altri mezzi CFS e la possibilità di impiego degli elicotteristi forestali.
  • Monitoraggio delle aree percorse dal fuoco con attenta sorveglianza sulle attività su esse comunque proibite quali pascolo e caccia e comunque blocco della caccia nella prossima stagione venatoria atteso la moria e lo stress subito dalla fauna selvatica.
  • Applicazione di tutte le sanzioni previste per l’omissione degli interventi previsti dalle normative selvicolturali sulle aree boscate percorse dal fuoco quali succisione e tramarratura delle latifoglie bruciate per permettere il loro ripristino vegetativo, asportazione dei tronchi di conifere bruciati la cui presenza sui terreni acclivi diviene un percolo perle possibilità di frane. Pulizia dei valloni e degli impluvi. Tali interventi, necessari a prevenire quello che purtroppo sarà prevedibile con le prossime piogge: frane e dissesti idrogeologici dovrebbe essere effettuato  a cura dei privati e, nelle aree demaniali dagli Enti delegati, Regione, Province, Comuni; dovrebbe essere prassi normale in un Paese normale, ma purtroppo spesso non avviene così per cui vista l’eccezionalità della situazione è necessaria una sorveglianza eccezionale.
  • Creazione, all’interno del Ministero delle Politiche Agricole di un’ Agenzia di Sviluppo Forestale (così come richiesto dal Movimento per la Rinascita Forestale) cosa che sarebbe molto utile per seguire ed unificare gli sforzi degli Enti Locali per la ricostituzione delle Foreste, magari con criteri naturalistici, e per fronteggiare il rischio idrogeologico.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9914 Articoli

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell’universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E’ per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*