Elezioni Ostia, Don Franco pronto al dialogo con CasaPound

Elezioni Ostia, Don Franco pronto al dialogo con CasaPound

Elezioni Ostia 2017 – Dalla sua pagina Facebook Don Franco De Donno, aveva annunciato giovedì scorso la sua candidatura in via ufficiale a presidente del X° Municipio.
Dopo tante voci e rumors sulle elezioni Ostia si ritrova con il terzo candidato ufficiale, il vice parroco di Santa Monica Don Franco De Donno.
Il commissario Vulpiani ha, nel frattempo, manifestato la possibilità di andare al voto alla prima data utile anche se il PD e una parte del M5S non sarebbe d’accordo paventando l’ipotesi di un possibile accorpamento magari con il voto nazionale.
La cosa sicura è che a giorni scadrà il commissariamento e per forza di cose si dovrà prendere una decisione, andare al voto o forzare una legge per l’ennesima volta costringendo i circa 300mila abitanti del X° Municipio a rimanere nel limbo dell’immobilismo.

ELEZIONI OSTIA 5 NOVEMBRE

In realtà la prima data utile per andare a votare è e rimane il 5 novembre durante le votazioni siciliane, ed è proprio su questa data che tutti i candidati stanno costruendo la loro campagna elettorale. Luca Marsella, CasaPound, Giuliana di Pillo, M5S e Franco De Donno, Lista Civica Laboratorio Civico X, sono i certi che hanno già ufficializzato la loro presenza alla corsa al Palazzo del governatorato e il centro destra punterà su Monica Picca, FDI, o su Mariacristina Masi, FI.
All’appello manca il PD che ancora tace sul suo probabile candidato, non fa parola sulle prossime elezioni e non fa nessun tipo di campagna elettorale.

L’IPOTESI FRANCO DE DONNO

Domenica 27 agosto Festa di S. Monica alle ore 19:00 saluterò la cominutà parrocchiale dove per 36 anni sono stato ‘viceparroco’ per intraprendere un ‘servizio’ più ampio a livello territoriale candidandomi alle elezioni amministrative del X Municipio con una Lista Civica non partitica, denominata Laboratorio Civico X.

Con queste parole il 24 agosto sulla sua pagina Facebook il vice parroco annunciava la candidatura, e proprio ieri mattina un gruppo di militanti di CasaPound ha protestato contro la decisione di scendere in politica del parroco.
Attualmente il parroco è stato “sospeso” in attesa di conoscere la data delle elezioni ed è in silenzio elettorale, ma ha fatto sapere che la sua lista sarà composta da persone giovani e che gli assessori saranno persone che hanno dimestichezza e familiarità con il mondo politico. Inoltre ha sottolineato la sua intenzione di dialogare con tutte le forze politiche compresa CasaPound vista l’apertura al dialogo della sua lista civica. “Dialogherò anche con loro, finora non c’è stata occasione” dice Don Franco De Donno, anche se in realtà il candidato presidente di CasaPound Luca Marsella il 17 luglio chiese un incontro pubblico a cui non ricevette risposta.

La cosa certa è che la Lista Civica Laboratorio Civico X racchiuderà al suo interno tanti personaggi legati alla sinistra lidense, ma  piace anche ad ambienti meno radicali e più centristi, e se il PD locale puntasse proprio sul parroco come loro esponente? Un appoggio da parte di un grande partito potrebbe essere un grande trampolino di lancio da un lato ma anche rimanere borderline per un partito che di fatto ha causato il commissarimento per “mafia” (dopo le implicazioni dell’ex presidente Tassone, ndr) del più importante municipio romano. Bis peccare in bello non licet.

Informazioni su Emanuele Bompadre 10706 Articoli

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l’enduro, l’importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*